Rifiuti, si dimette il presidente della SRR di Messina

15 Ottobre 2019 Mondo News Provincia

Terremoto nel mondo dei rifiuti a Messina: Santi Briguglio Polò si è dimesso da presidente della Società consortile per la Regolamentazione del servizio di gestione dei Rifiuti (S.R.R.) Messina Area Metropolitana e da componente del Consiglio di Amministrazione, in rappresentanza e per conto del comune di Messina.

Le motivazioni in una lunga lettera: “Rilevanti motivi personali e inopportune considerazioni, da me poco gradite, su alcune ultime vicende accadute nell’espletamento del mio incarico, mi hanno indotto a rimettere il mandato conferitomi che ho sempre svolto in maniera completamente gratuita, senza ricevere compensi economici né rimborso delle spese sostenute. Desidero ringraziare il Sindaco del Comune di Messina che, nonostante la mia non appartenenza al Suo schieramento politico, mi ha concesso il privilegio di poter rappresentare la Sua persona e il Comune di Messina in seno all’organo di amministrazione della Società di regolamentazione dei rifiuti nel territorio della Città Metropolitana di Messina, fornendomi così l’opportunità di poter continuare a dedicare alla comunità a cui appartengo il mio tempo e l’esperienza maturata nel settore, per il compimento delle necessarie attività finalizzate a colmare i ritardi, gli sprechi e le inefficienze che hanno caratterizzato negli ultimi anni la gestione pubblica dei rifiuti. Le attività svolte nel corso del mio mandato sono già state portate a Vostra conoscenza con la nota del 9/8/2019, con la quale, argomentando anche sulla corretta interpretazione della normativa in materia, contrapponendo l’obiettiva analisi dei fatti all’odioso pregiudizio figlio della scarsa conoscenza della realtà, ho dovuto replicare alle accuse di presunti ritardi ed inadempienze da parte dei Comuni Soci, della Citta Metropolitana di Messina e della S.R.R, segnalate dal Dirigente del Dipartimento Regionale dei Rifiuti, pure, alla Procura della Corte dei Conti. Nella succitata nota si evidenzia come, in poco più di un anno, attraverso il rispristino della legalità e lo scrupoloso rispetto delle regole, ho dato piena attuazione a tutte le competenze assegnate dalla Legge alle S.R.R., concorrendo, unitamente agli altri componenti del Consiglio di Amministrazione, ad avviare una gestione efficiente e, finalmente, capace di svolgere compiutamente numerose attività ed iniziative a favore dei Comuni soci, ottenendo pure consistenti risparmi sui costi di gestione della Società, utilizzati per ridurre le somme richieste ai Comuni soci per la copertura delle spese di funzionamento della S.R.R., con positiva refluenza sulla quantificazione della TA.RI. di ogni singolo Comune socio. Mi sia consentito evidenziare come dette attività siano state caratterizzate da un intenso lavoro di squadra con il vice Presidente ed i componenti del Consiglio di Amministrazione, con il Presidente ed i componenti del Collegio Sindacale, con il Dirigente ed i Dipendenti dell’Ente, che ringrazio per l’impegno profuso e per il sostegno che, nei momenti più difficili, non mi hanno mai fatto mancare”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione