IL 4 NOVEMBRE NON È UNA GIORNATA DI FESTA, MA DI LUTTO; LE BANDIERE NON UNA SCENEGGIATA MA UN SIMBOLO

3 Novembre 2019 Culture

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Movimento Cambiamo Messina dal Basso sui motivi della loro partecipazione alla manifestazione a Piazza Unione Europea, domani mattina, in occasione della Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.

Le bandiere della pace il 4 novembre non sono una sceneggiata circense, come molti detrattori negli anni hanno voluto far credere: le bandiere della pace il 4 novembre sono un simbolo, il segno di una voce altra, che in una democrazia ha il diritto (e il dovere) di coesistere accanto alle altre, e farsi sentire, a maggior ragione in una Repubblica che la guerra dice di ripudiarla. La prima guerra mondiale è stata una carneficina frutto di un conflitto nato dai contrasti tra opposti imperialismi che nulla aveva a che vedere con i bisogni ed i diritti delle popolazioni coinvolte. Esprimiamo solidarietà a quei docenti e studenti di Venezia che hanno dichiarato in questi giorni la loro indisponibilità ad essere presenti ad un incontro con le forze armate promosso dalla loro scuola per celebrare il 4 novembre e divenuti bersaglio di aspre polemiche.E come ogni 4 novembre CMdB sarà presente a piazza Unione europea con le bandiere della pace per ricordare, a chi è ancora “figlio” del mito della vittoria mutilata ed utilizza il 4 novembre come pretesto per una retorica militarista, che la Costituzione italiana ripudia la guerra e che il 4 novembre non è una giornata di festa ma di lutto. Le nostre bandiere della pace sono una richiesta concreta: meno spese per cacciabombardieri ed armi, più soldi per la sanità, per la scuola, per l’emergenza abitativa, per la messa in sicurezza dei territori.
Non è una sceneggiata: è un forte gesto politico.
Ci vediamo domani alle 9:30.
#CMdB #Peace #Pace

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione