Mafia: omicidio Alfano, figlia sara’ parte civile contro ex pm

8 Novembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

“Io e i miei familiari ci costituiremo parte civile nel processo al magistrato Olindo Canali, perche’ un episodio di corruzione contestato dalla Dda di Reggio Calabria riguarda l’aiuto che Canali avrebbe dato, a pagamento, per far ottenere al boss Gullotti il giudizio di revisione per l’assassinio di mio padre. E il giudizio di revisione e’ stato aperto proprio qualche mese fa sulla scorta di due scellerati memoriali di Canali”. Lo rende noto Sonia Alfano, figlia di Beppe Alfano, il giornalista assassinato l’8 gennaio del 1983. Per il delitto vennero condannati in via definitiva Nino Merlino (21 anni) come esecutore materiale e come mandante il boss Giuseppe Gullotti (30 anni). Nel 2009 l’avvocato del capomafia deposito’ agli atti di un altro processo un anonimo in cui si sosteneva che la condanna del boss fosse ingiusta e che fosse necessario un processo di revisione. Nell’anonimo in particolare si sollevavano dubbi sull’attendibilita’ di un testimone che aveva deposto contro Gullotti, Maurizio Bonaceto. Il memoriale era stato scritto dal pm Olindo Canali, il magistrato che aveva istruito il processo Alfano. Canali ammise poi la paternita’ dello scritto. Secondo i pm di Reggio Calabria, che hanno chiesto il rinvio a giudizio del magistrato, nel frattempo trasferito a Milano, Canali avrebbe agito in cambio di denaro per favorire la revisione del processo che aveva portato alla condanna del boss. “Ora mi aspetto che l’Anm voglia prendere le distanze da quell’imbarazzante magistrato e soprattutto che il Csm intervenga tempestivamente nei confronti di Canali. – continua Sonia Alfano – Le accuse della Dda di Reggio Calabria nei suoi confronti, infatti, sono ben piu’ gravi di quelle che nelle settimane e nei mesi scorsi hanno portato alla destituzione della giudice Saguto dalla magistratura e alla sospensione dalle funzioni per il pm Luca Palamara”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione