Traffico di droga dalla Colombia a Messina, chiusa l’inchiesta

15 Novembre 2019 Senza categoria

Un traffico internazionale di droga pesante e leggera che aveva come terminale la “piazza di spaccio” messinese, e addentellati in diversi paesi europei e del Sudamerica. L’inchiesta “Cafè Blanco” che adesso è chiusa parla di tutto questo. Adesso in Procura hanno tirato le somme e si preparano al processo.

Era un gruppo di trafficanti che ebbe la sua prima “scintilla” dietro le sbarre, nel carcere di San Cataldo, a Caltanissetta, dove nel 2014 entrarono in contatto il capo della banda, il catanese Salvatore Alfio Zappalà, e il dominicano Carlos Ramirez De La Rosa, intermediario coi narcos colombiani, e il messinese Antonino Di Bella, punto di riferimento per i traffici in riva allo Stretto e per alcune consegne.

Dopo mesi di “ascolto” venne fuori un’organizzazione che oltre a Zappalà, considerato “vicino” al clan mafioso dei Laudani a Catania, Ramirez e Di Bella, aveva inglobato la compagna del 35enne dominicano, la cubana Magalys Sanchez Hechevarria; il braccio destro di Zappalà, il catanese Carmelo Antonio Sangricoli; la compagna di Di Bella, la messinese Tindara Bonsignore, diventata a sua volta “corriere” per la concomitante detenzione in carcere dello stesso Di Bella; la compagna di Zappalà, Angela Desiree Settipani, originaria del Siracusano, che di fatto coordinava una rete di pusher composta da Federica Di Grande, Pasquale Interlando, Antonino Spinali (tutti siracusani) e Luigi Mariutti, originario del Catanese.

Tutti, ad eccezione del dominicano Carlos Ramirez De La Rosa che è detenuto all’estero e per il quale la Procura ha richiesto l’estradizione, hanno ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione