MESSINA: 42enne arrestato dai Carabinieri della Stazione di Camaro Superiore per maltrattamenti contro familiari e conviventi

16 Novembre 2019 Cronaca di Messina

I Carabinieri della Compagnia di Messina Centro, nei giorni scorsi, hanno tratto in arresto un 42enne del posto, resosi responsabile del reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Messina.

Il provvedimento scaturisce dall’esito di un’attività d’indagine condotta dai Carabinieri della Stazione di Camaro Superiore, sotto la direzione e il coordinamento della Procura della Repubblica di Messina, a seguito di un intervento effettuato dai militari dell’Arma presso l’abitazione del 42enne per una lite familiare sfociata in un’aggressione fisica dell’uomo nei confronti della compagna convivente e della figlia di quest’ultima.

Le indagini hanno consentito di far venire alla luce anni di maltrattamenti subiti dalla compagna dell’uomo e dalla figlia di quest’ultima, peraltro alla presenza di minori. Anni di aggressioni verbali e fisiche, di percosse, schiaffi, spinte, insulti, di minacce di morte ed umiliazioni. Uno stato di sottomissione alla prepotenza dell’uomo che è stato accettato per anni dalla donna per paura e anche nel tentativo di mantenere una famiglia unita. Una relazione, tuttavia, divenuta insostenibile e caratterizzata da violenze, mortificazioni e da continue minacce. L’ennesima aggressione subita ha indotto la vittima a raccontare tutto e ad interrompere quella storia malata.

Analizzando le risultanze investigative raccolte dai militari dell’Arma, il G.I.P. presso il Tribunale di Messina ha accolto le richieste avanzate dalla locale Procura della Repubblica e ha immediatamente emesso un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari che i Carabinieri della Stazione di Camaro Superiore hanno notificato all’uomo.

Anche in questo caso si è avuta la conferma della prontezza della risposta da parte della Polizia Giudiziaria e della Procura della Repubblica di Messina alle richieste di aiuto da parte delle vittime di violenze di genere.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione