Al via la riorganizzazione delle questure: Messina promossa

23 Novembre 2019 Cronaca di Messina

La Polizia di Stato si avvia a una riorganizzazione e cambiano le questure italiane. Vengono così potenziati i servizi di controllo del territorio, prevenzione e contrasto al crimine, tutela dell’ordine pubblico e, soprattutto, vengono rivisti gli indici di rischio di ogni città, grazie ad un’analisi effettuata in collaborazione on l’Istat.

Il regolamento che ridisegna i presidi di Polizia in tutta Italia è stato approvato dal consiglio dei ministri su proposta del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Il Dipartimento parla di novità “numerose e significative”, a partire proprio dalle questure che vengono ridisegnate in base a indicatori mirati, con l’obiettivo di potenziare i servizi che vanno ad incidere più direttamente sulla vita dei cittadini.

In quest’ottica, 7 questure – Verona, Brescia, Padova, Bergamo, Caserta, Salerno e Messina – sono state elevate di livello. Vengono poi istituiti i ‘Centri’ logistici interregionali, che andranno a sostituire gli uffici sul territorio, e novità riguardano anche la polizia scientifica, in modo da mettere gli uffici in grado di affrontare le sempre più complesse tecniche di analisi

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione