Migranti, naufragio al largo di Lampedusa e la Ocean Viking sbarcherà a Messina

23 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Tragedia nel Mediterraneo: almeno due migranti sono morti in seguito al naufragio di un barchino al largo di Lampedusa. I soccorritori riferiscono di altri corpi che galleggiano in mare. La scarsa visibilità e il maltempo rendono difficile per ora capire l’entità della tragedia.

Sono 149 quelli finiti in mare che invece sono stati recuperati dalla Guardia costiera. Nel pomeriggio di oggi un cittadino ha segnalato alla Guardia costiera di Lampedusa di aver avvistato un barchino in difficoltà a meno di un miglio dalla costa.

Immediatamente, riferisce la stessa Guardia costiera, sono state inviate sul posto 4 motovedette e allertati un elicottero ed un aereo della Guardia costiera di Catania. Le motovedette, giunte sul posto, hanno individuato un barchino di circa 10 metri in difficoltàcon circa un centinaio di persone a bordo che, verosimilmente per le cattive condizioni meteo marine, subito dopo si è capovolto.

La Guardia costiera ha chiesto l’intervento anche di un pattugliatore e due motovedette della Guardia di Finanza. In volo, per continuare le ricerche, anche un aereo Frontex e allertato anche un mezzo aereo della Marina Militare. La tragedia si consuma proprio mentre Italia, Germania, Francia e Malta hanno «congiuntamente richiesto alla Commissione europea l’attivazione della procedura di ricollocamento dei migranti a bordo della Ocean Viking».

Lo ha reso noto il Viminale sottolineando come sia «la prima volta che accade: l’intervento europeo viene sollecitato da tutti i Paesi che hanno condiviso il pre-accordo de La Valletta. E’ un passo significativo in vista di una gestione realmente solidale dei flussi migratori che interessano la rotta mediterranea» Sulla scorta di tale richiesta, spiega il ministero dell’Interno, «è stato individuato in Messina il porto di sbarco».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione