Detenuto picchia e ferisce 5 agenti con sbarra di ferro

24 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Cinque agenti di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina, sono stati aggrediti da un detenuto nell’ottavo reparto psichiatrico della casa circondariale. L’uomo, dopo aver divelto la porta del bagno della propria cella, si è impossessato di una sbarra di ferro, con la quale ha colpito e ferito le guardie, che sono comunque riuscite a bloccarlo prima di recarsi in ospedale per farsi medicare.

La denuncia del sindacato

Questo è solo l’ultimo episodio di violenza ai danni degli agenti verificatosi all’interno del carcere siciliano. Lo scorso 18 novembre, altri due detenuti hanno aggredito una guardia, costretta in seguito a ricorrere alle cure del pronto soccorso. “Siamo poliziotti, non carne da macello per galeotti”, scrive il segretario del sindacato FS-CO.S.P, Domenico Mastrulli. “In questo carcere si ripetono e si susseguono atti di intolleranza, oltraggio e violenza fisica contro agenti della Polizia Penitenziaria. In Sicilia – aggiunge – servirebbe un ulteriore 35% di personale rispetto alle attuali unità. Servirebbe una maggiore presenza di Dirigenti penitenziari, funzionari del Corpo, per sopperire alle lacunose attese di chi opera ai confini di realtà penitenziarie sull’Isola poco seguite dal Centro Dipartimentale”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione