Fabbrica di botti esplosa a Barcellona, indagati i proprietari delle due ditte

24 Novembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Un’inchiesta complessa, in cui vanno definiti molti aspetti, anche quelli che nella immediatezza apparivano chiari. La certezza è data dal dramma rappresentato dalla perdita di cinque vite.

Prime iscrizioni nel registro degli indagati per l’esplosione nella fabbrica di fuochi d’artificio della ditta Costa, di mercoledì pomeriggio, in contrada Femminamorta di Barcellona. Si tratta di Vito Costa, titolare della fabbrica di fuochi di artificio e che nell’esplosione ha perso la moglie, e Corrado Bagnato, titolare della ditta che stava eseguendo dei lavori di messa in sicurezza nella fabbrica. L’iscrizione è un atto dovuto anche per fare in modo che gli indagati nominino periti di parte per gli atti irripetibili come l’autopsia sulle vittime.

La Procura della Repubblica di Barcellona, retta da Emanuele Crescenti, ha intanto deciso di bloccare la restituzione di due delle cinque salme alle famiglie: su tutte sarà effettuata l’autopsia, al Policlinico universitario di Messina, a partire da lunedì.

In via parallela saranno completati gli esami sul DNA delle 5 vittime: Venera Mazzeo, Mohamed Taeher Mannai, Vito Mazzeo, Giovanni Testaverde e Fortunato Porcino.

Incarico per l’esecuzione dell’esame autoptico è stato conferito alla dottoressa Elvira Ventura Spagnolo. 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione