Stalking. La Polizia di Stato arresta in flagranza di reato un venticinquenne

25 Novembre 2019 Cronaca di Messina

E’ stata arrestato ieri, dai poliziotti delle Volanti, un venticinquenne messinese resosi responsabile del reato di stalking nei confronti dell’ex compagna e madre dei suoi due figli.

In nottata gli agenti sono intervenuti in zona sud, a seguito della richiesta di aiuto da parte di un gruppo di tre giovani. 

I tre, a bordo di un’autovettura, dopo avere avvicinato la volante, riferivano che una loro amica stava subendo un’aggressione fisica dall’ex compagno, che l’aveva aspettata sotto casa, al rientro da una serata trascorsa in loro compagnia.

Immediatamente giunti sul posto, gli agenti hanno subito notato un uomo molto agitato, intento a strattonare ed insultare una ragazza. Nonostante la presenza degli agenti, l’uomo – che è stato prontamente fermato – ha comunque continuato a mantenere un atteggiamento aggressivo e minaccioso nei confronti della donna, alla quale non sono stati risparmiati pesanti insulti. 

I poliziotti, coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno ricostruito i fatti dai quali è emersa una lunga storia di maltrattamenti. Infatti, la relazione sentimentale tra i due, dalla quale sono nati i due bambini, era iniziata nel 2013. L’uomo, però, spesso si era mostrato violento, anche di fronte ai figli minori. In una circostanza, addirittura, dopo l’ennesima lite, aveva sferrato un pugno in volto alla compagna provocandole la frattura del setto nasale. Nel maggio 2019, a seguito della decisione della vittima di interrompere definitivamente il rapporto, iniziava una vera e propria persecuzione. Continui messaggi e chiamate dal tono minaccioso, appostamenti sotto casa, pedinamenti in strada, insulti ed aggressioni fisiche, nonché minacce nei confronti delle persone amiche e vicine alla donna.

Un’escalation di comportamenti vessatori e violenti che non si sono fermati nemmeno dopo la notifica allo stalker dell’ammonimento del Questore di Messina, lo scorso giugno.

Il venticinquenne quindi è stato arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato condotto al carcere di Messina Gazzi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione