La Polizia arresta 36enne per lesioni aggravate. Aveva aggredito e minacciato un collega

27 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Nel pomeriggio di ieri, i poliziotti della Squadra Mobile e delle Volanti hanno tratto in arresto BOMBARA Salvatore, messinese di 36 anni, ritenuto responsabile dei reati di lesioni aggravate e furto aggravato. Lo stesso è stato, altresì, denunciato in stato di libertà per i reati di minacce e danneggiamento. L’uomo, un operaio di una ditta di costruzioni, ha aggredito un collega con un’asta di metallo. 

Gli agenti, allertati da altri operai che avevano assistito all’aggressione, sono intervenuti presso un ospedale cittadino dove la vittima è stata trasportata per le lesioni riportate. 

Sul posto, dalla ricostruzione dei fatti, è emerso che il 36enne a seguito di una lite per motivi di lavoro con il suo capo squadra, lo colpiva violentemente e ripetutamente in più parti del corpo con un’asta in ferro utilizzata per delimitare l’area di cantiere, distruggendogli inoltre il telefono cellulare. 

La vittima, nonostante i colpi ricevuti, riusciva a rifugiarsi all’interno di un negozio chiudendosi a chiave, per evitare il peggio. L’aggressore non riuscendo più a raggiungerla, dopo averla minacciata verbalmente, e dopo avere asportato alcuni arnesi da lavoro ed un bidone di gasolio di proprietà della ditta, si allontanava a bordo della sua autovettura.

Bombara Salvatore, pertanto, rintracciato presso la propria abitazione, ancora con indosso la tuta da lavoro sporca di sangue, è stato arrestato e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria condotto in carcere, in attesa di essere giudicato oggi con rito direttissimo.  

La vittima, a seguito dell’aggressione subita ha riportato diverse ferite giudicate guaribili in gg. 30.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione