“C’è Messina Denaro al Neurolesi”. Comparato il Dna: non è il boss

28 Novembre 2019 Cronaca di Messina

È stato un controllo doveroso, ma purtroppo il paziente ricoverato al Centro neurolesi di Messina non era Matteo Messina Denaro.

È nell’ospedale della città dello Stretto – come scrive Riccardo Lo Verso su Livesicilia.it – che si sono presentati i carabinieri, coordinati dalla Procura di Messina. Il personale infermieristico aveva segnalato la presenza di un uomo, originario di Castelvetrano, che aveva attirato la loro attenzione.

È stato subito prelevato un campione del Dna del paziente ricoverato dopo essere stato colpito da in ictus ed è stato comparato con le tracce biologiche del latitante di cui sono in possesso gli investigatori. Non si tratta del padrino trapanese.

All’Irccs dei Colli Sanrizzo era scattata la procedura di emergenza. Ingressi e uscite blindate e un elicottero a sorvolare la zona. L’ipotesi che si trattasse di Messina Denaro era apparsa da subito improbabile, ma nulla può essere lasciato al caso. E così sono intervenuti i carabinieri del Ros, quelli di Messina e quelli del Reparto investigazioni scientifiche.