DON NUNZIO ABBRIANO CONDANNATO A 2 ANNI E 6 MESI. I DETTAGLI

3 Dicembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

La Corte d’appello di Reggio Calabria su rinvio della Corte di Cassazione, che il 30 novembre di un anno fa aveva annullato la sentenza di assoluzione decisa in appello a Messina – come scrive Leonardo Orlando su Gazzetta del Sud – ha radicalmente riformato la sentenza di assoluzione condannando a 2 anni e 6 mesi di reclusione don Nunzio Abbriano, per abusi sessuali ai danni di una giovane parrocchiana della Piana di Milazzo. Don Abbriano, 51 anni, già parroco di San Marco ed ex presidente della Fondazione Lucifero, che per questa vicenda era stato arrestato il 2 novembre 2011, nel processo bis di Reggio Calabria è stato riconosciuto colpevole di un solo episodio dei due contestati in origine che sarebbero stati compiuti durante la preparazione alla Settimana Santa del 2011 ai danni di una giovane parrocchiana che all’epoca aveva poco più di 17 anni. Alla condanna nel processo bis si è giunti dopo che la procura generale di Messina, su sollecitazione del difensore di parte civile, avv. Franco Bartolone, aveva presentato ricorso in Cassazione. Ricorso che era stato accolto con l’annullamento della sentenza di assoluzione e rinvio degli atti a Reggio Calabria per un nuovo processo d’appello. L’ex parroco di San Marco è stato difeso dagli avvocati Tommaso Calderone e Sebastiano Campanella.

 

LEGGI ANCHE

ABUSI SI 17ENNE: NUOVO PROCESSO PER DON ABBRIANO. LO HA DECISO LA CASSAZIONE

 

MILAZZO: ASSOLTO DON ABBRIANO. "NON COMMISE ABUSI". IL SACERDOTE ERA STATO CONDANNATO IN PRIMO GRADO PER PALPEGGIAMENTI

 

MILAZZO: L'ex presidente della Fondazione Lucifero, don Nunzio Abbriano, condannato a 2 anni e mezzo. Due episodi del 2011 riguardanti una parrocchiana allora diciassettenne

 

MILAZZO: Abusi sessuali, arrestato DON ABBRIANO. Agli atti anche delle registrazioni audio. Il sacerdote è stato presidente della FONDAZIONE LUCIFERO

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione