La morte di Lorena Mangano, processo da rifare per il finanziere indagato

5 Dicembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Tutto da rifare. Ecco la clamorosa decisione adottata ieri pomeriggio dai giudici della quarta sezione penale della Cassazione per il terzo grado di giudizio nel processo per la tragedia di Lorena Mangano – come scrive Nuccio Anselmo su Gazzetta del Sud. Lorena Mangano è la povera studentessa orlandina 23enne, che fu travolta e uccisa dall’Audi TT guidata dall’allora finanziere 34enne Gaetano Forestieri nel giugno del 2016, lungo la via Garibaldi, a Messina.

I giudici hanno disposto l’annullamento con rinvio, e la celebrazione di un nuovo processo a Reggio Calabria per la quantificazione della pena a carico di Forestieri, che è accusato di omicidio stradale, e per l’altro imputato, il pasticcere 28enne Giovanni Gugliandolo, che quella sera secondo l’accusa ingaggiò con Forestieri una gara tra auto che fu alla base della tragedia. Forestieri è accusato di “competizione stradale” e “omissione di soccorso”.