Tre orche avvistate per la prima volta nello Stretto di Messina – Video

28 Dicembre 2019 Culture

Condividiamo il video gentilmente inviatoci dal pescatore sportivo Simone Vartuli. Protagonista un piccolo #pod composto…

Posted by Marecamp on Friday, December 27, 2019

Orche in Sicilia? Ne sono state avvistate tre, di cui un maschio adulto ripreso dal pescatore sportivo Simone Vartuli mentre si avvicinava all’imbarcazione del messinese che navigava nello Stretto di Messina.

Le immagini non sono ad alta risoluzione, ma il video è stato pubblicato sulla pagina Facebook “Marecamp”, che ha classificato il mammifero nella specie “Orcinus orca”. Probabilmente, si legge ancora sul post Facebook dell’associazione firmato da Caretta Claretta, l’esemplare si stava cibando.

“Pur non avendo immagini ad alta risoluzione per poter confrontare al meglio le pinne dorsali degli animali, è molto probabile che si tratti delle stesse orche islandesi (Orca Guardians Iceland) che per giorni hanno sostato davanti a Genova (Tethys Research Institute, Menkab: il respiro del mare) – continua il post – Preoccupa vedere mancare all’appello il quarto individuo, ma c’è chi dice di averne visti proprio 4 lo stesso pomeriggio nello Stretto e noi speriamo tanto che future segnalazioni possano confermarlo”.

“Questa mattina il team dell’associazione Marecamp Onlus sarà impegnato nella sua consueta attività di monitoraggio nelle acque antistanti Catania e si manterrà in continuo contatto con le autorità portuali locali (Corpo delle Capitanerie di Porto e Guardia Costiera). Due biologi marini dell’associazione osserveranno invece lo Stretto di Messina da terra per poter segnalare il pod qualora fosse ancora nelle vicinanze”.

“Confermare che si tratti delle stesse orche di Genova aggiungerebbe un importante tassello per comprendere le motivazioni che hanno spinto fin qui questa specie tanto rara per il Mediterraneo e accertarsi se stanno facendo finalmente rotta verso Gibilterra o meno”, auspica Marecamp.

“Raccomandiamo a tutti i naviganti, qualora dovessero avvistare balene e delfini, di rispettare il codice di buona condotta per l’osservazione dei cetacei (Accobams Dolphins-Whales) e di segnalare agli esperti la loro presenza aiutando così la ricerca e la tutela di questi mammiferi marini. In caso di avvistamento delle orche, invece, sollecitiamo tutti a chiamare il 1530 e a non avvicinarsi agli animali. Sono già particolarmente stressati, probabilmente disorientati o malati, e qualunque atto inesperto potrebbe compromettere il loro ritorno a casa”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione