Solidarietà: Prelievo multiorgano al Policlinico di Messina

4 Gennaio 2020 Cronaca di Messina

Il nuovo anno è iniziato con un’intensa attività per il Policlinico universitario “G. Martino” di Messina, dove un nuovo prelievo multiorgano ​ ha riacceso la speranza per 6 pazienti, grazie anche all’applicazione di una tecnica innovativa per preservare in particolare il cuore.
Il donatore, un uomo di 53 anni residente a Milazzo e ricoverato il giorno di Natale per una patologia cerebrale insidiosa ed inesorabilmente fatale, ha testimoniato con una scelta fortemente voluta e precedentemente manifestata ai familiari il grande valore della solidarietà. La moglie e i figli con orgoglio hanno mostrato un tesserino che il loro congiunto portava sempre con sé, nel quale si dichiarava la volontà di donare i propri organi dopo la morte. Tutto il personale del Reparto di Rianimazione dell’A.O.U. è stato impegnato nella lunga e delicata fase dell’accertamento della morte encefalica ​ e delle complesse attività di mantenimento del donatore che in questo caso si sono protratte per molte ore per consentire alle équipe di prelievo di raggiungere le sale operatorie del Policlinico.
La complessa macchina organizzativa, guidata dal Coordinamento per la donazione ed i trapianti d’organo dell’A.O.U. Di cui è responsabile il dott. Francesco Puliatti, ha intersecato l’attività di numerose unità operative aziendali – tra le quali l’UTIC, la Radiologia, la Neurologia, la Medicina legale, la Patologia clinica, la Microbiologia, la Virologia – al fine di consentire la valutazione dell’idoneità al prelievo e la sicurezza dei pazienti destinati a ricevere il grande dono che questa famiglia milazzese ha fatto loro.
Sono stati così prelevati: il fegato che è stato trapiantato a Verona; un rene trapiantato ad un paziente del Policlinico di Catania; il secondo rene è stato inviato al Policlinico di Roma; il cuore che è stato trasferito a Udine per un intervento in emergenza per un paziente ormai in fini di vita. Proprio in questo caso è stata utilizzata una particolare attrezzatura che ha consentito all’organo di continuare a battere, andando oltre la prevista soglia delle due ore e permettendo il lungo trasferimento. Le cornee sono state prelevate dagli oculisti del Policlinico e inviate alla Banca degli occhi di Mestre.
“Il nuovo anno – afferma il direttore generale dell’A.O.U. Giuseppe Laganga – si apre sulla scia di quanto registrato negli ultimi mesi del 2019, quando l’inaugurazione del nuovo reparto di Rianimazione (intitolato a Nicholas Green) ha dato un forte impulso alle donazioni.
Nel contempo, abbiamo intensificato le azioni di promozione e le sinergie con associazioni di volontariato ed enti, proprio per implementare la cultura della donazione. I risultati si sono visti immediatamente, tanto che da ottobre scorso si sono registrati 10 accertamenti e 5 donazioni multiorgano, sostanzialmente raddoppiando i dati dei primi 9 mesi del 2019.
Grazie anche alla disponibilità del personale del Policlinico e alla sensibilità del territorio speriamo di avere innescato un effetto virtuoso e contiamo di cogliere ulteriori frutti nei prossimi mesi”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione