Le Sardine inaugurano la staffetta in Sicilia: tour nelle 9 province, si parte da Messina

14 Gennaio 2020 Politica

Comincia domani in Sicilia, partenza da Messina, la staffetta della Sardina, che gli organizzatori del movimento definiscono nelle loro pagine Fb siciliane «un viaggio lungo tutta la Sicilia per denunciare i ritardi infrastrutturali e raccontare le problematiche più urgenti in ogni provincia».

«Una Sardina autostoppista viaggerà con diversi mezzi (treni, bus, auto) e toccherà comuni o aree che sono simboliche per quel che riguarda i temi cruciali dell’isola: contrasto alla mafia, tutela dell’ambiente, solidarietà e accoglienza dei migranti, lavoro e sviluppo del territorio, diritto alla salute, emigrazione».

Il percorso della Sardina dopo Messina toccherà Catania, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta, Enna, Agrigento, Trapani e  Palermo. A partire da domani, ogni giorno ciascuna provincia pubblicherà «un video che racconterà il proprio pezzetto di viaggio e le tappe toccate nel proprio territorio».

La staffetta della Sardina culminerà il 25 gennaio, alle 18, in un flash mob che si svolgerà in contemporanea nelle nove province siciliane. La manifestazione riprenderà i temi delle infrastrutture e dell’emigrazione e ribadirà i valori del movimento delle Sardine. Grideremo ancora più forte che #LaSiciliaNonSiLega!, scrivono le sardine siciliane.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione