Morte Provvidenza Grassi, la Procura chiede tre condanne e nove assoluzioni

14 Gennaio 2020 Inchieste/Giudiziaria

A sei anni esatti dal ritrovamento del cadavere di Provvidenza Grassi, era la notta del 23 gennaio 2014, si avrà la sentenza di primo grado nei confronti di 12 tra tecnici e dirigenti del Consorzio Autostrade Siciliane.

La 27enne è rimasta vittima di un tragico incidente avvenuto nel luglio del 2013. La sua auto è volata dal viadotto Bordonaro finendo in una scarpata mentre il cadavere è stato scoperto solo sei mesi dopo.

La Procura ha chiesto la condanna solo per tre indagati. Si trattta di Maurizio Trainiti (1 anno e mezzo), Gaspare Sceusa, 2 anni e mezzo, e 2 anni per Letterio Frisone.  L’accusa è di omissioni di atti d’ufficio per la mancata messa in sicurezza del tratto di tangenziale in cui si è verificato l’incidente.

Il pubblico ministero Roberto Conte ha invece chiesto l’assoluzione, per non aver commesso il fatto, nei confronti di Antonino Minardi, Matteo Zapparata, Antonino Gazzara, Patrizia Valenti,  Matteo Zapparata, Anna Rosa Corsello e Calogero Beringheri; Benedetto Dragotta e Mario Pizzino.

Il giudice ha poi ascoltato i difensori, gli avvocati Alberto Gullino, Valter Militi, Cristina Arena, Eugenio Passalaqua, Giuseppe Pustorino,Giovanni Calamoneri, Domenico Pustorino,  Andrea Florio e Roberta Mauro e ha fissato l’udienza finale per la fine del mese.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione