OPERAZIONE SISTEMA, INFLITTE CINQUE CONDANNE

16 Gennaio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Sono stati condannati cinque degli undici imputati coinvolti nell’operazione antidroga ‘Sistema’, che hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato, i cui arresti furono eseguiti all’alba dell’11 luglio scorso dai carabinieri. Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Patti Andrea La Spada, che ha giudicato i cinque imputati, riconoscendoli colpevoli – come scrive Leonardo Orlando oggi su Gazzetta del Sud –  ha condannato a 2 anni e 6 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di 14mila euro Antonino Currò, detto Tonino, 46 anni di Spadafora, con interessi a Barcellona dove aveva gestito un locale pubblico di intrattenimento. Condannati a 4 anni e 2 mesi di reclusione oltre a 24 mila euro per ciascuno dei due messinesi Giovanni Cutè, 35 anni, residente nel rione Mangialupi e Antonino Natale Cutè, 42 anni, anch’egli di Messina e residente nel viale Annunziata; a 4 anni e 8 mesi e a una multa di 24mila euro Mario Gitto, 46 anni di Falcone, mentre a 4 anni e 2 mesi è stato condannato Marco Schepis, 27 anni, anch’egli di Falcone, entrambi già coinvolti in diverse inchieste giudiziarie.

Il processo per altri 6 imputati che hanno scelto il rito ordinario inizierà ilarissimo 3 marzo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione