La Polizia di Stato sequestra oltre 1.100 chilogrammi di novellame di sarda. Elevate sanzioni per oltre 38.000 euro

18 Gennaio 2020 Cronaca di Messina

Gli Agenti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto, nel corso di specifici servizi mirati al controllo di veicoli adibiti al trasporto di prodotti alimentari, hanno sequestrato oltre 1.100 Kg di novellame di sarda.
Il tipo di pescato, utile per il ripopolamento del mare, e per il quale è prevista la cattura solo con particolari tecniche ed in alcuni periodi dell’anno, si trovava a bordo di mezzi frigo coibentati, provenienti dalla Calabria e diretti nel palermitano.
L’attività di prevenzione degli Agenti della Polstrada è stata condotta nei giorni scorsi, in prossimità dei caselli autostradali.
Nel corso dei controlli è emerso che, nei vani di carico, erano riposte diverse cassette di pesce fresco, per oltre 950 chili in un caso e 185 in un altro, in violazione delle normative nazionali ed europee in materia di commercio di esemplari di specie ittica di taglia inferiore a quella di riferimento.
Verificato, inoltre, che il pesce era privo di qualsiasi documentazione idonea a certificarne l’origine e la provenienza, è stato richiesto l’intervento di personale dell’ASP del servizio veterinario di Milazzo che ne ha disposto il sequestro.
A carico dei trasgressori, inoltre, sono state elevate sanzioni amministrative per oltre 38.000 euro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione