IL VIDEO: CLIMBER POLACCO A MESSINA SCALA IL PILONE DI CAPO FARO SENZA PROTEZIONE

22 Gennaio 2020 Culture

È giunto a Messina direttamente dalla Polonia per un’impresa da brividi. Lui è un climber che ha sfidato ogni altezza l’ex traliccio dell’Enel di Capo Faro, diventato ormai uno dei simboli più riconoscibili della città.

Il giovane climber ha raggiunto un’altezza di oltre 200 metri sul livello del mare. Tutto senza alcuna protezione.

Ma scoppia la polemica su questo video. L’ex consigliere comunale Luigi Sturniolo commenta: “Il video dei polacchi che scalano il pilone di Torre Faro è un orribile messaggio e tutt’altro che una promozione della città. La scalata, dal punto di vista dell’arrampicata, non ha difficoltà estreme. Farla senza la corda è solo pericoloso. Anche perchè i segni della ruggine sono numerosi e non sai mai se una sbarra possa staccarsi. La verticale sciolto a 200 metri d’altezza, poi, è solo una scommessa con la fortuna, come giocare alla roulette russa. È proprio un messaggio di merda, di chi la vita la ama talmente poco da potersela giocare per nulla. Di possibilità di rischiare la vita nelle scalate ce ne sono tante. Messner per primo ha salito un 8000 senza ossigeno e non sapeva cosa sarebbe successo, ma ha spostato in avanti la storia dell’alpinismo. Questi, invece, lanciano un messaggio che, raccolto dai ragazzini, può diventare mortale. Ce ne sono tanti in questo momento di personaggi così. Spesso è un modo per catturare sponsor. Non conta più l’impresa alpinistica. Conta l’esibizione del rischio. Siamo alle soglie dello snaff-movie. P.S. La felpa di Spider-Man tradisce gli intenti del video”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione