‘Cambio di passo’, CMDB: Messina ancora una volta è stata presa a calci

27 Gennaio 2020 Politica

Posted by stampalibera.it on Monday, January 27, 2020

“Si è conclusa, nel modo più scontato, l’imbarazzante tre giorni del consiglio comunale dedicata al documento del sindaco “Cambio di passo”.​
Una tre giorni istruttiva per comprendere ancora meglio il modo di fare politica del sindaco De Luca: arrogante, spregiudicato, divisivo. È emerso chiaramente il vero obiettivo del “Cambio di passo” : dividere il consiglio comunale, spaccare i gruppi consiliari, mettere in un angolo e indicare come nemici della città coloro i quali non si sarebbero piegati al suo volere. Obiettivo in gran parte raggiunto, in modo da garantirsi un percorso consiliare senza sorprese.​
Ed il consiglio comunale? A parte le dovute eccezioni,​ non ha saputo difendere il suo ruolo e le sue prerogative, cadendo nella trappola del sindaco che ha portato al voto un documento politico invotabile.
L’aspetto positivo della tre giorni è stata almeno la chiarezza che ha portato nel quadro politico del consiglio. Abbiamo potuto constatare che il livello politico cittadino è arrivato ad un punto cosi basso che è necessario riportare la Politica con la P maiuscola nelle piazze, nelle strade della città, ed anche sulla tribuna del consiglio dove la presenza dei militanti di CMdB è servita a fare capire che la città è un bene comune che va tutelato, oggi più di ieri, dalla vecchia politica ritornata a palazzo zanca più arrogante e predatoria di ieri.
Rimettete allora la copia della tela di Luca Giordano “Restituzione di Messina alla Spagna”: Messina ancora una volta è stata presa a calci. CAMBIAMO MESSINA DAL BASSO”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione