Commercio illegale, sequestrati dalla Guardia Costiera di Messina 15 kg. di polpa di riccio

21 Febbraio 2020 Cronaca di Messina

Nell’ambito di una complessa attività volta a prevenire le frodi in commercio, a verificare il rispetto delle
disposizioni sulla tracciabilità ed etichettatura del pescato, nonché delle norme sull’attività di cattura per la
tutela degli stock ittici e dell’ecosistema, in località Tremestieri, i militari del Nucleo Unità Navali della
Guardia Costiera di Messina, hanno posto sotto sequestro n°130 vasetti contenenti polpa di ricci per un
totale di 15 kg., privi delle previste etichette sigilli e qualunque altro dato utile per l’identificazione del
prodotto. Il valore commerciale al dettaglio della merce sequestrata è di circa € 6.000,00.
All’autotrasportatore, è stata elevata una sanzione amministrativa pari a € 1.500,00.
Il prodotto ittico confiscato è stato sottoposto nell’immediatezza a visita da parte dei medici veterinari
dell’ASP di Messina i quali ne hanno disposto la distruzione in quanto privi di ogni indicazione relativa alla
data del confezionamento ovvero al metodo di produzione e pertanto non idoneo al consumo umano.
Il valore economico del riccio di mare è aumentato considerevolmente nel corso degli ultimi anni a seguito
dell’innalzamento della domanda sul mercato , la quale ha comportato un aumento elevato delle catture.
Per questo motivo la pesca del riccio è consentita solo nel rispetto delle normativa vigent e del
conseguente sistema di vigilanza. che ne garantisce secondo un rigido sistema di controllo.
Le attività in materia continueranno ininterrottamente al fine di tutelare le risorse ittiche..

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione