OPERAZIONE PREDOMINIO, CHIUSE LE INDAGINI. 15 AVVISI DI GARANZIA

21 Febbraio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Non si discostano, sostanzialmente, le accuse su cui poggia l’operazione antimafia Predominio sul ritorno in città di alcuni ex collaboratori di giustizia, intenzionati a riprendere in mano le redini della criminalità organizzata.

I sostituti procuratori della Dda Maria Pellegrino e Liliana Todaro hanno emesso quindici avvisi di garanzia nei confronti degli stessi indagati contenuti nell’atto firmato dal gip Tiziana Leanza lo scorso 20 dicembre. Stralciata la posizione di un altro indagato, Michele Alleruzzo, scarcerato e posto agli arresti domiciliari. E’ difeso dall’avvocato Salvatore Silvestro. Chiuse le indagini preliminari nei confronti di Alberto Alleruzzo, Angelo Arrigo; Gaetano Barbera, Vincenzo Barbera, Orazio Bellissima, Salvatore Bonaffini (foto), Stellario Brigandì, Giuseppe Cutè inteso Cinzino, Nicola Galletta, Giovanni Ieni, Cosimo Maceli, Pasquale Pietropaolo, Giuseppe Selvaggio, Antonino Stracuzzi e Marco Galletta. 

Rispetto all’ordinanza di custodia cautelare sono stati cancellati due capi d’imputazione per Angelo Arrigo.

Gli indagati sono difesi dagli avvocati Silvestro, Abbadessa, Moriano, Aliberti, Alessi, Cicero, Donato, Pandolfino, Billè, Gullino, Colonna, Caroè, Barbera, Broccio e Mirabile.

 

LEGGI ANCHE

#FOTO, VIDEO E NOMI – SQUADRA MOBILE, RETATA NELLA NOTTE. 14 ARRESTI, ANCHE COLLABORATORI DI GIUSTIZIA

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione