Arrestato un infermiere del Policlinico. Aveva narcotizzato e violentato una paziente

25 Febbraio 2020 Senza categoria

I Carabinieri della Stazione di Gazzi hanno arrestato per il reato di violenza sessuale aggravata un 53enne messinese, incensurato, in esecuzione di ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Messina, su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini avviate dagli uomini dell’Arma a seguito della denuncia della vittima. 

Lo scorso 17 febbraio i militari dell’Arma sono intervenuti il “Policlinico Universitario G. Martino” a seguito della segnalazione di una donna ivi ricoverata, che riferiva di essere stata vittima di atti sessuali compiuti durante la notte da un infermiere del nosocomio. 

Le indagini avviate dagli uomini dell’Arma, coordinati dall’Ufficio di Procura, hanno permesso di ricostruire come l’operatore sanitario, infermiere di turno a quel Reparto durante la notte, dopo aver somministrato alla donna un farmaco con effetti narcotizzanti, non previsto nel piano terapeutico della paziente, approfittando della minorata difesa indotta alla donna, l’avesse molestata sessualmente. 

Nell’immediatezza dei fatti sono stati sottoposti a sequestro una fiala contenente residui di un farmaco anestetico, rinvenuta all’interno di un contenitore di rifiuti speciali sanitari del reparto e gli indumenti della vittima che presentavano delle tracce biologiche che hanno costituito preciso e puntuale riscontro ai fatti denunciati dalla vittima. E’ stato così ricostruito un quadro gravemente indiziario a carico dell’uomo che  è stato raggiunto dal provvedimento cautelare in carcere con la pesante accusa di violenza sessuale aggravata e tradotto presso la locale Casa Circondariale. 

Va evidenziato che tale risultato è stato reso possibile dalla fiducia riposta dalla vittima nei confronti dell’Autorità Giudiziaria e delle FF.OO, che ha consentito un rapido intervento a sua tutela.  

Le denunzie da parte delle vittime di violenza di genere e nei confronti di minori sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela. L’immediatezza della risposta della Polizia Giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell’affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Messina che ha stabilito precise modalità operative per giungere quanto più rapidamente possibile a tutelare tutte le vittime vulnerabili.

 

La nota dell’azienda Policlinico

Il Direttore generale dell’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina, dott. Giuseppe Laganga, a nome di tutta l’Azienda esprime il ringraziamento alla magistratura e alle forze dell’ordine per il lavoro d’indagine che ha consentito di fare luce su una vicenda, quella di un infermiere accusato di violenza sessuale, che vede l’AOU come parte lesa.
Esprime inoltre vicinanza alla vittima dell’aggressione, alla quale in questi giorni erano stati forniti assistenza e servizi di supporto psicologico.
L’Azienda, dal canto suo, ​ nell’immediatezza della denuncia aveva avviato accertamenti interni, tramite un’apposita commissione, e l’infermiere coinvolto era stato allontanato dal posto di lavoro. L’AOU è poi stata costantemente a fianco degli inquirenti, garantendo loro tutta la collaborazione richiesta.
L’Azienda, infine, è pronta a costituirsi parte civile in un eventuale dibattimento.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione