CMdB contesta dichiarazioni Musumeci su sbarco migranti a Messina

26 Febbraio 2020 Politica

In merito allo sbarco, previsto per domani nel porto di Messina, dei 194 migranti presenti a bordo della ONG Sea Watch3, CMdB respinge le affermazioni di queste ore del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci secondo cui “…in un contesto di allarme come quello attuale, suona come una sfida al popolo siciliano pensare di fare sbarcare altri 194 migranti in Sicilia” (dichiarazioni non a caso subito riprese dall’ex ministro dell’Interno Salvini).
Il governatore della Sicilia trova il tempo di rilasciare una dichiarazione stonata e ​ strumentale per continuare a parlare alla pancia della gente, mentre l’intero Paese è impegnato in uno sforzo immane a tutti i livelli per fare fronte seriamente e con responsabilità all’emergenza in corso.
Musumeci farebbe meglio a preoccuparsi delle falle e delle incertezze di un sistema sanitario e politico siciliano che si è mosso tardivamente (vedi lentezza nell’attivazione del numero verde, mancanza di tamponi e mascherine in alcune strutture sanitarie, assenza o insufficienza di controlli presso aeroporti, porti, stazioni, ecc…), piuttosto che avanzare proposte pericolose e discriminatorie come la quarantena dei migranti a bordo delle navi. La dura legge del contrappasso che stiamo subendo con il “respingimento” di nostri connazionalii, in particolare Lombardi e Veneti, da parte di alcuni Stati dovrebbe fare riflettere maggiormente coloro che in questi anni hanno lavorato contro le politiche dell’accoglienza e dell’inclusione.
Gli sbarchi sono sempre avvenuti con il massimo dei controlli sanitari e per di più, in questa circostanza, sono i migranti che devono essere tutelati, visto che è l’Italia il paese con il maggiore numero di contagiati al Mondo dopo Cina e Corea.
La vera sfida per i siciliani non è l’autorizzazione allo sbarco dei 194 migranti, ma capire se questa Regione e gli enti locali sono in grado di tutelare la salute dei Siciliani di fronte ad un’epidemia che non ha ancora raggiunto il suo picco. Purtroppo quanto sta accadendo in questi giorni non fa ben sperare.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione