#FOTO – STRISCIONE E INSULTI AI MESSINESI RIENTRATI DALLA SETTIMANA BIANCA

19 Marzo 2020 Senza categoria

Un lungo striscione con la scritta “Siete andati a sciare mentre tutto il mondo contro il virus cerca di lottare: per noi potete pure crepare! Siete la merda di Messina” è comparso oggi pomeriggio sul viale Giostra, accanto al chiosco bar di Villa Lina. La rabbia che fino ad ora è circolata da una chat all’altra di Whatsapp e sui social si è trasferita adesso su un lenzuolo bianco appeso sulla ringhiera di una piazzetta di un quartiere di periferia. Non si conoscono al momento gli autori della provocazione che rischia di alimentare un clima di odio di cui la città, soprattutto in questo momento drammatico, non ne sente proprio il bisogno.

L’episodio dopo che il Comune ieri ha reso pubblico il dato che denuncia come su 116 nominativi solo in 21 avrebbero effettuato la comunicazione nei termini, in 19 fuori dai termini, mentre tutti gli altri non avrebbero mai inviato comunicazioni. Cioè 76 messinesi, che sono tornati dal Trentino, in alcuni casi transitando da Treviso o da Bergamo, hanno fatto rientro a casa senza autodenunciarsi.

Da poche ore inoltre si è aggravato il numero dei contagiati. Altri 7 casi sono emersi nelle ultimissime ore, tutti nella struttura di Casazza, sui colli Sarrizzo di Messina, dell’Irccs Neurolesi, che portano a 30 il numero totale dei messinesi che hanno contratto il virus.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione