Cristina Cannistrà (m5s): «Emergenza Coronavirus. Si monitori la situazione a Cristo Re»

25 Marzo 2020 Cronaca di Messina

“Si monitori con urgenza la situazione della casa di cura Cristo Re, per evitare che la situazioni precipiti e che si metta a repentaglio l’incolumità degli operatori e dei sanitari, che non possono essere lasciati da soli a gestire l’emergenza come avvenuto alla casa di riposo “Come d’incanto”».

Parole della consigliera comunale Cristina Cannistrà, che a nome del gruppo consiliare del M5s chiede al sindaco Cateno De Luca, al Prefetto Maria Carmela Librizzi e al dirigente dell’Asp Paolo La Paglia di mettere in atto tutte le misure possibili per i degenti ricoverati della struttura e per tutti gli operatori, che non vanno assolutamente lasciati da soli a fronteggiare la pandemia. «So benissimo che non è facile gestire una situazione come questa, e ringrazio tutte le forze in campo per l’impegno profuso, ma è fondamentale agire con tempestività per evitare che si propaghi un ulteriore focolaio in una struttura in cui si sono già registrati un decesso e vari casi di positività al Covid, in attesa dell’esito degli ulteriori test effettuati sui pazienti. Non è più possibile temporeggiare perché qui è in gioco la salute della collettività», conclude, chiedendo alle Istituzioni quali provvedimenti siano stati messi in atto per prevenire la diffusione del Virus, con particolare riferimento ai dispositivi di protezione individuale, alla turnazione degli infermieri e ai tamponi da sottoporre al personale e a tutti i pazienti ricoverati.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione