Ars, approvata la Finanziaria: ecco tutte le norme varate

2 Maggio 2020 Politica

Via libera dell’Ars alla Finanziaria con 32 voti a favore e 20 contrari. Una manovra che stanzia 1,5 miliardi di euro di fondi statali riprogrammati. Una riprogrammazione che deve essere autorizzata da Roma, ma intanto l’Ars prova a stabilire comunque a chi andranno i fondi. Scontro in aula sui tanti emendamenti arrivati da parte dei deputati. Scintille a Sala d’Ercole tra il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché, e la capogruppo dell’Udc, Eleonora Lo Curto. A innescare la miccia è stata la decisione di Miccichè di dichiarare inammissibile un emendamento presentato dalla centrista che prevedeva lo stanziamento di 100mila euro a favore del museo regionale Baglio Tumbarello di Marsala, nel Trapanese. “Si tratta di un emendamento che non c’entra con questa Finanziaria. Basta con le marchette. Un minimo di decoro, mi sono rotto…” ha sbottato Miccichè. Parole che non sono piaciute alla parlamentare dell’Udc. “Mi sento indignata, offesa e oltraggiata – ha subito replicato, chiedendo la parola in Aula -. Io non ho mai fatto marchette, il museo non è mio e quei 100mila euro servivano a completare lavori fermi da oltre 15 anni e a consentire attività all’interno di quella struttura regionale anche a favore dei bambini. Mi vergogno di essere parte di questa assemblea”. Ecco le norme già approvate.

Tabella H
Approvata una spesa da 11 milioni di euro per contributi a pioggia. Prima del voto finale passa una sorta di Tabella h con contributi a pioggia: 150 mila euro al Coppem, 2 milioni all’Istituto vite e vino, 200 mila all’Ente sordomuti, 300 all’Interporti siciliano, 230 mila all’Istituto Florio e Salamone, 250 mila euro alla Kore di Enna, 376 mila all’Unione italiana ciechi, 1 milione al Turismo per le sagre e le feste, 75 mila euro all’autodromo di Pergusa, 200 mila euro alla Fondazione Whitaker, 100 mila euro per i pontili dello Stagnone di Marsala, 200 mila al museo Madralisca e 200 mila euro ai negozianti della Villa del Casale a Piazza Armerina.

Sostegno ai cinema e a teatri
Stanziati 10 milioni per cinema enti e teatri privati con lo scopo di ridurre le perdite da botteghino. Per tutti i teatri pubblici finanziati dalla Regione cambiano i criteri per avere le somme: di fatto avranno le stesse somme dello scorso anno. Stesso discorso per gli enti finanziati con il Fondo per lo spettacolo regionale.

Mutui agevolati per le ristrutturazioni e bonus facciate

Via libera ad una norma che stanzia fondi per le ristrutturazione: per mutui fino a 300 mila euro la Regione pagherà gli interessi: “Il sostegno al settore edile è uno degli interventi necessari per far ripartire la nostra economia – dice il dem Antonello Cracolici – Attraverso un emendamento all’articolo 10 della finanziaria ho esteso le misure previste dall’articolo 33 della l.r.6/99 per gli immobili con destinazione urbanistica di ‘tipo B’, cioè quelli al di fuori dei Centri Storici: in pratica la Regione si farà carico degli interessi sui mutui fino a 300 mila euro per la ristrutturazione degli immobili. Ho inoltre proposto ed ottenuto che il contributo previsto dalla norma per il rifacimento delle facciate sia esteso anche agli interventi di messa in sicurezza dei palazzi e delle unità immobiliari”. E’ stato dato il via libera anche all’articolo 11 della finanziaria che prevede il cosiddetto ‘bonus facciata’ con fondi per 50 milioni da destinare alla a lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione su immobili di proprietà privata, nei comuni siciliani. La Regione potrà concedere contributi, per un importo massimo di 5mila euro, finalizzato al rifacimento delle facciate. La copertura finanziaria è per un massimo di 10mila immobili. Altri 50 milioni sono stati destinati ad interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili appartenenti al patrimonio e al demanio regionale. “Sono molto soddisfatto del lavoro che si sta facendo in aula per approvare la legge di stabilità regionale”, ha detto il presidente Gianfranco Miccichè. “La norma sulle facciate – aggiunge – permetterà di assegnare un contributo di 5 mila euro a ogni privato che rifarà i prospetti. In un momento come quello che stiamo vivendo a causa dell’epidemia da Covid-19, permetterà di migliorare il decoro delle città e darà una boccata di ossigeno a maestranze e imprese edili”. “Un altro provvedimento importante è l’esenzione, per il 2020, del pagamento del bollo auto fino a 54Kw e per redditi fino a 15 mila euro – sottolinea Miccichè -. Era uno dei punti del programma di Forza Italia che adesso vede la luce con l’approvazione di Sala d’Ercole. Si tratta di un segnale importante per aiutare le fasce più deboli”.

Aiuti alle aziende

Via libera al pacchetto di norme, che vale circa 300 milioni di euro, per aiuti alle imprese e al comparto del turismo. A partire dai prestiti erogati da Irfis, Ircac e Crias per aziende artigiane, partite iva e imprese fino a un massimo di 25 mila euro, con una parte a fondo perduto. Su proposta dei 5 stelle approvate alcune proposte:  alle cooperative giovanili, che hanno ricevuto prestiti dall’Ircac, viene data la possibilità di rinegoziare il mutuo a tassi più convenienti. Alla Crias (Cassa regionale per il credito alle Imprese artigiane) viene assegnata una somma di 30 milioni di euro per rimpinguare il fondo per il credito agevolato agli artigiani, una norma importantissima che dà respiro al settore vista la grave crisi economica scaturita dall’emergenza sanitaria. Alle numerose cooperative sociali che vantano crediti da parte delle pubbliche amministrazioni vengono destinati 10 milioni di euro a un fondo di garanzia attraverso l’Ircac, con i quali si potrà procedere alla cessione o anticipazione dei crediti attraverso le banche, moltiplicando così le risorse in favore delle coop. La Regione pagherà i contributi previdenziali alle imprese siciliane che assumono nuovi dipendenti.

Sostegno alla pesca

Aumentato il fondo a sostegno dei pescatori, che passa da 10 a 30 milioni di euro.”Oggi incassiamo un altro grande risultato, con l’approvazione dell’emendamento che consente l’aumento dello stanziamento del Fondo di solidarietà a beneficio delle attività di pesca e cooperazione in Sicilia”, dichiara il parlamentare regionale del Partito Democratico Michele Catanzaro, commentando l’approvazione del suo emendamento a supporto delle attività di pesca e delle marinerie siciliane.

Stop al pagamento del suolo pubblico

Passa un emendamento della commissione Bilancio e del governo per l’esenzione per il 2020 del pagamento del suolo pubblico per bar e ristoranti. I mancati introiti dei Comuni saranno recuperati attraverso un fondo regionale da 300 milioni di euro.

Turismo

Approvato un emendamento del 5 stelle Luigi Sunseri e del deputato Danilo Lo Giudice che stanzia 2 milioni di euro per le città tiristiche non capoluogo che nel 2019 hanno registrato più di 500 mila presenze. Ok  al fondo da 75 milioni di euro gestito dall’assessorato Turismo per acquistare pernottamenti da tour operator, agenzie, strutture alberghiere ed extra alberghiere per offrire sconti ai turisti, anche siciliani, che faranno le vacanze nell’Isola Inoltre grazie all’approvazione di due emendamenti proposti dal Partito democratico le guide turistiche dell’Isola,  iscritte negli elenchi  regionali, potranno accedere al Fondo garanzia dal quale erano rimaste fuori nella prima stesura del testo della legge di stabilità,  mentre i professionisti del turismo,  iscritti nei rispettivi elenchi,  – dice Anthony  Barbaglio  del Pd – potranno  usufruire dei fondi Irfis come previsto dal primo comma dell’articolo 8 della legge finanziaria in corso di approvazione. Un traguardo importante – conclude il parlamentare Pd  – che consentirà a tanti operatori del settore di progettare la lunga e lentissima fase di ripresa”.

Lavoratori stagionali

Approvato  l’emendamento presentato dal deputato Lo Giudice insieme al collega Figuccia, che prevede di assegnare 10 milioni di euro per i lavoratori stagionali siciliani. “Nei giorni scorsi – dicono Figuccia e Lo Giudice – con un intervento veemente ho voluto portare questo tema all’attenzione dell’Ars, ritenendo fondamentale poter dare una risposta concreta a questo comparto.”

Bellolampo

Via libera ad un emendamento della deputata della Lega Marianna Caronia che stanzia 7,5 milioni di euro per Bellolampo, in questo modo la Rap avrà un introito in più per pagare i viaggi verso Lentini dell’immondizia di Palermo in attesa che si completi la quarta vasca.

Siti Unesco

Stanziati 5 milioni di euro ai siti Unesco della Sicilia, con un emendamento dei 5 stelle e del Pd. In una prima versione la somma era di 4 milioni ma solo a quattro enti, tra i quali la Fondazione Federico II, che comunque manterrà una riserva da 2 milioni di euro.

Fondi ai Comuni

Per far fronte agli oneri straordinari e aggiuntivi derivanti dalla emergenza sanitaria, 2 milioni di questo fondo vanno ai Comuni dichiarati ‘zona rossa’ con ordinanza del presidente della Regione Musumeci. Una quota delle risorse, fino al 5 per cento, è destinata, al ristoro, come premio-produttività in base, del personale di polizia locale, protezione civile e servizi sociali comunali direttamente impegnato per le esigenze conseguenti ai provvedimenti di contenimento dell’emergenza coronavirus. L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato, nell’ambito dell’art. 9 della Finanziaria, un emendamento presentato da Claudio Fava che stanzia 1,5 milioni di euro da ripartire fra i comuni di Porto Empedocle, Pozzallo e Lampedusa come contributo per le operazioni di accoglienza in sicurezza delle persone migranti. Con lo stesso emendamento, una somma analoga è stata destinata per gli interventi urgenti di messa in sicurezza sanitaria nelle aree delle tendopoli di Cassibile e di Campobello di mazara/Castelvetrano. “Una misura – afferma il Presidente dell’Antimafia – doverosa, per riconoscere lo sforzo sostenuto dai Comuni e dalle comunità impegnati in prima fila su accoglienza, come avevano richiesto i sindaci di Pozzallo e Lampedusa e che contribuirà a rimuovere la vergogna di baraccopoli e tendopoli, restituendo dignità alle persone che oggi ci vivono in una pericolosa situazione”

Partecipate

Via libera dell’Assemblea regionale siciliana all’articolo 10 della finanziaria regionale, fortemente voluto dall’assessore regionale dell’economia Gaetano Armao, che prevede interventi per le società partecipate dalla Regione siciliana. Destinati 30 milioni alla eventuale ricapitalizzazione delle società partecipate regionali, quindi per la ricostituzione del capitale sociale che dovesse essere ridotto a copertura delle perdite di esercizio 2020 causate dai minori ricavi per effetto della crisi economica dovuta alle misure di contrasto alla diffusione del Covid-19. Sui fondi alle società partecipate le opposizioni avevano presentato un emendamento soppressivo del comma che conteneva la norma, ma che è stato bocciato dall’aula, con voto segreto richiesto dal M5s, con 34 voti della maggioranza contro i 25 della opposizione.

Trasporti

Due miliardi per i trasporti pubblici Passa in aula anche l’articolo 12 che prevede interventi nel settore dei trasporti che prevede fondi in 6 anni per 2 miliardi e 200 milioni. Per i collegamenti marittimi da e per le isole minori stanziati 390 milioni da suddividere per ciascuno degli esercizi finanziari dal 2020 al 2025, con 65 milioni all’anno. Altri 165 milioni all’anno per 6 anni serviranno a garantire il servizio di trasporto pubblico locale su gomma a carattere extraurbano ed urbano. Per il trasporto ferroviario 130 milioni all’anno fino al 2026. Altri 30 milioni di euro per 3 anni per il trasporto aereo per assicurare la continuità territoriale verso Lampedusa e Pantelleria, Comiso e Trapani, mentre  10 milioni sono destinati a sostenere l’attività dei soggetti titolari di attività di servizio pubblico da trasporto non di linea in servizio di piazza, di servizio noleggio con conducente, di noleggio natanti e di trasporti marittimi di passeggeri. Ed ancora, 3 milioni per il 2020 garantiranno la circolazione gratuita di tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine ed ai vigili del fuoco in servizio ed in possesso di apposito tesserino di riconoscimento. “Per la prima volta – dice l’assessore regionale alle infrastrutture Marco Falcone – la Regione siciliana applica una strategia di pianificazione sui trasporti con una programmazione diciamo a lungo termine con cifre certe e inoltre dopo 14 anni diamo una gratuità alle forze delle ordine ai vigili del fuoco”. Via libera anche all’articolo 13 che prevede il rifinanziamento del fondo di rotazione per gli interventi straordinari rivolti al risanamento delle gestioni ed al rilancio delle attività di enti, associazioni e fondazioni a partecipazione pubblica, nonché delle associazioni teatrali e concertistiche: 526 mila euro per il 2020, 1.476.074,98 euro per il 2021 e altrettanti per il 2022. Il pagamento della prima rata relativa al fondo di rotazione Ris è rinviata dal 2021 al 2022.

Stop a tasse e canoni

Passa l’articolo sulle esenzioni per un anno di tasse e canoni: sospese le tasse sulle concessioni governative, cioè sulle autorizzazioni concesse dalla Regione in materia di pesca, artigianato e attività produttive; sospesi per il 2020 i canoni demaniali e i ruoli istituzionali ed irrigui dei consorzi di bonifica relativi al periodo 2012-2020; sospeso per un anno il bollo auto per chi ha un auto di 53 kw o immatricolata perima del 2011 e comunque con un reddito  massimo di 15 mila euro lordi all’anno, come previsto da un emendamento del deputato 5 stelle Luigi Sunseri. Saranno esentati in Sicilia dal pagamento del bollo auto i veicoli di proprietà delle associazioni di volontariato (ex legge regionale 7 giugno 1994, n. 22) e quelli delle associazioni di volontariato di protezione civile (legge regionale 31 agosto 1998, n. 14) utilizzati ad uso esclusivo per le finalità di assistenza sociale, sanitaria, soccorso e protezione civile. Soddisfatto anche il Pd: “La battaglia sui canoni irrigui la conduciamo da tempo”, dice Michele Catanzaro.

Prestiti alle famiglie

Via libera a un fondo da 100 milioni gestito dall’Irfis per prestiti a tesso zero alle famiglie. L’articolo recita: “Il fondo è destinato al credito al consumo per i nuclei familiari, anche composti da un solo componente, residenti in Sicilia almeno a far data dal 31 dicembre 2019 con un reddito familiare il cui imponibile fiscale non sia superiore a 40 migliaia di euro. I prestiti sono erogati senza interessi per un importo massimo di 15 migliaia di euro, da restituire in 60 rate mensili a partire da 12 mesi successivi all’erogazione. Gli oneri degli interessi sono a carico del fondo di cui al comma 4. L’Irfis-Finsicilia S.p.A. è autorizzata a stipulare convenzioni con istituti di credito specializzati nel credito al consumo, compresa la società Poste pay”. Prevista una semplificazione amministrativa per l’utilizzo dei 100 milioni, annunciati da Musumeci un mese fa e destinati ai Comuni per buoni pasto agli indigenti e spese di necessità: soldi bloccati per problemi burocratici. Passa un emendamento di Fava nel quale si ” precisa meglio che tra i beni e i prodotti e servizi acquistabili con i fondi erogati dalla regione al comune  rientranoi dispositivi di protezione individuale e i prodotti farmaceutici,  oltre alla possibilità di acquisto di pasti pronti presso le strutture che avranno dato disponibilità al comune di competenza. oltre ad utenze domestiche (luce e gas etc) e  canoni di locazione di prima abitazione per il periodo emergenza COVID-19″.

Aiuti ai sanitari

Previsto un bonus di mille euro a tutti i sanitari, medici, infermieri, operatori e addettio 118, coinvolti nell’emergenza coronavirus. Inoltre, si legge nel testo  “in conformità ai principi enunciati con la sentenza della Corte Costituzionale n. 20 del 14 febbraio 2020, le procedure di selezione del personale del Sistema sanitario regionale promosse a partire dalla entrata in vigore della presente legge prevedono, nei rispettivi bandi di selezione, la partecipazione alla emergenza COVID-19, per almeno sessanta giorni continuativi, quale titolo da riconoscere nella valutazione curricolare attraverso uno specifico punteggio premiale”.

Borse specializzandi

“Abbiamo approvato un emendamento che consentirà di specializzare un numero maggiore di medici. Una risposta alle gravi carenze di organico  dei presidi di emergenza urgenza che  appaiono più gravi in momenti di grave crisi epidemiologica come quella che stiamo vivendo.  Aumentare del 30 per cento  le borse di specializzazione di area medica  riservate alla chirurgia d’urgenza, così come previsto dall’all’emendamento all’articolo 5 della legge di stabilità, è la prima risposta della politica ad un settore di primaria importanza in questo momento cosi difficile in cui più si avverte la mancanza di medici”, dice Anthony Barbagallo parlamentare regionale del Partito Democratico.

Imprese che ricovertono produzione

Con 40 milioni istituito un fondo “presso IRFIS-Finsicilia S.p.A. e finalizzato alle imprese con sede legale nell’isola che hanno avviato processi di riconversione o intendano avviare processi di produzione industriale di dispostivi di protezione individuale, tecnologie elettromedicali, disinfettanti sanitari e materiali destinati alle esigenze socio-sanitarie nonché alla costituzione di imprese tessili volte a soddisfare la richiesta di mercato interna legata alla produzione dei dispositivi di protezione individuale stessi”.

Assegno dipendenti Ipab

Ai lavoratori delle II.PP.A.B siciliane le cui attività istituzionali sono interrotte anche in ragione delle misure di contrasto alla diffusione del contagio da COVID-19 ovvero per i procedimenti di estinzione in corso è corrisposto, su base mensile, l’importo di 700 euro a titolo di anticipo per le ultime sei mensilità arretrate. La medesima somma è, altresì, corrisposta ai dipendenti delle II.PP.A.B impegnati con mansioni riconducibili a prestazioni sociosanitarie nell’assistenza agli anziani.

Aiuti a formazione e scuola

Approvato un pacchetto da 120 milioni per l’istruzione. Alle scuole paritarie della Sicilia “del sistema nazionale di istruzione di cui alla legge 10 marzo 2000, n. 62, di ogni ordine e grado, che abbiano proceduto con propria determinazione alla riduzione di quota parte delle rette di frequenza corrisposte dalle famiglie degli studenti iscritti, è riconosciuto un contributo forfettario per classe in ragione delle minori entrate. Per le finalità di cui al presente comma è autorizzata la spesa di 4 milioni di euro. Il contributo è esteso fino al terzo anno di corso delle scuole superiori”. Inoltre “per l’implementazione delle attività didattiche a distanza è riconosciuto alle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Sicilia un contributo, determinato in relazione al numero degli iscritti, per la infrastrutturazione digitale, nonché per l’acquisto e l’installazione di attrezzature e programmi informatici, pacchetti e strumenti per il traffico dati, finalizzato alla valorizzazione della scuola digitale e del metodo computazionale di cui alla legge regionale 3 marzo 2020, n. 5. Per le finalità di cui al presente comma è autorizzata la spesa di 15 milioni di euro.

Aiuti ai fuori sede

Approvato un articolo che recita: “Al fine di limitare i disagi per i nuclei familiari di provenienza e prevenire la dispersione, agli studenti siciliani iscritti a corsi per il conseguimento di laurea, master universitari e dottorati di ricerca presso università ed istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica con sede in Sicilia, è concesso un contributo straordinario ‘una tantum’, nella misura forfettaria di 500 euro per ciascuno studente. Accedono a domanda al contributo straordinario di cui al presente comma gli studenti conduttori o co-conduttori di unità immobiliari ad uso residenziale, fiscalmente a carico dei nuclei familiari di provenienza, individuati come fuori sede ai sensi dell’ articolo 4, comma 8, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001, con contratto di locazione regolarmente registrato alla data del 28 febbraio 2020, che non risultino fruitori alla stessa data di servizi abitativi erogati dagli ERSU”.

Sostegno alle Università

Sul fronte degli atenei, stanziati diversi aiuti. “Alle Università con sede in Sicilia che nell’anno accademico 2020/2021 iscrivano ad anni di corso successivi al primo studenti  – si legge nel testo approvato – già iscritti nell’anno accademico 2019/2020 presso atenei aventi sede in altre regioni italiane o all’estero, è riconosciuto per ciascun soggetto e fino ad esaurimento delle risorse disponibili un contributo una tantum di 1.200 euro. Gli studenti sopra individuati ed iscritti a corsi di laurea, laurea magistrale o a ciclo unico sono esonerati dal pagamento delle tasse universitarie per l’anno accademico 2020-2021”.

Finanziamenti ad asili nido pubblici e privati

Un altro articolo prevede aiuti per la scuola dell’infanzia. “A valere sulle risorse di cui al comma 15 gli assessorati del lavoro, famiglia e politiche sociali e dell’istruzione e della formazione professionale sono autorizzati rispettivamente alla spesa di 1,5 milioni di euro a sostegno delle scuole 0-3 anni (ad esclusione delle sezioni primavera) e alla spesa di 1,5 milioni di euro a sostegno delle scuole 3-6 anni, sia pubbliche che private, in conseguenza del blocco delle attività a causa dell’emergenza COVID-19 e alla correlata sospensione dell’erogazione delle rette”.

Fondo per i Comuni

Ok all’articolo 1 sui fondi ai Comuni, con alcune riserve come quelle per le stabilizzazioni dei precari negli enti in dissesto e i fondi per i Comuni delle isole minori. Lo stanziamento sulla carta è uguale a quello dello scorso anno, circa 350 milioni: ma ben 130 milioni restano congelati in attesa di un accordo con lo Stato, senza il quale anche i Comuni subirebbero un taglio pesantissimo. Passa emendamento di Fava sul fondo per le iniziative di bilancio partecipato che vale 2 milioni.

Aiuti allo sport

Passa l’articolo che consente alle società sportive che già ricevono fondi dalla Regione, sia professionistiche sia dilettanti, di poter avere gli stessi finanziamenti dello scorso anno anche se non hanno svolto attività a causa dell’emergenza coronavirus. “Indispensabile fare chiarezza dopo il balletto di cifre destinate dalla Regione al settore dello sport. La resa dei conti è arrivata ieri durante l’esame della finanziaria. I fondi disponibili, ovvero le risorse certe per lo sport, ammontano a 1,5 milioni di euro, sui 6 mln € previsti. I rimanenti 4,5 mln € sono solo sulla carta e subordinati al perfezionarsi di un accordo con lo Stato”. Lo dice la deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Roberta Schillaci, che sottolinea come “sia doveroso riportare i numeri reali, dopo lo scambio di vedute dei giorni scorsi con l’assessore regionale dello Sport, Manlio Messina, che ha tentato di sminuire l’allarme da me lanciato – ribadisce – sul destino di sportivi, società e addetti ai lavori. Nello sport sono impegnati migliaia di lavoratori, oggi in difficoltà per via dell’emergenza sanitaria, quindi era importante pensare anche a chi come loro non vive di stipendi ma di contributi”.

Oasi Troina

Per la struttura di assistenza ai disabili mentali il contributo passa da 4 a 5 milioni di euro. L’emendamento su Troina passa a voto segreto per appena tre voti, nonostante la netta protesta di Fratelli d’Italia. Fdi era contraria perchè il milione in più veniva tolto dal capitolo del turismo: settore, questo, guidato in giunta dal coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, l’assessore al Turismo Manlio Messina. Bagarre in aula, i deputati Fdi escono per protesta e il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, che già aveva faticato non poco per tenere l’aula, sospende la seduta: “In questo clima difficile andare avanti”, si lascia sfuggire con alcuni deputati. Soddisfatto il Pd: “In un momento così difficile – dice il capogruppo Giuseppe Lupo – è giusto che il Parlamento siciliano dimostri concreta solidarietà e vicinanza agli ospiti ed al personale dell’Oasi di Troina, una struttura impegnata in prima linea nell’emergenza sanitaria Covid19. È stato un voto libero di un emendamento da noi proposto che va oltre gli schieramenti politici, e di questo ringrazio tutti i colleghi che hanno votato a favore”.

Pip e precari

Previsto un fondo da 450 mila euro per incentivare la fuoriuscita dal bacino dei Pip e 1,3 milioni per i precari dei cantieri di servizio di Enna e Caltanissetta.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione