Riapertura ville comunali, la FP CGIL chiede garanzie per i lavoratori e avvisa: «Numero di custodi attualmente insufficiente»

2 Maggio 2020 Politica

La Funzione Pubblica Cgil chiede che si proceda ad una pulizia straordinaria degli spazi verdi, ivi compresa la sanificazione dei casotti/ spogliatoi e dei bagni pubblici ubicati all’interno degli stessi, e che si affiggano manifesti informativi all’ingresso degli spazi verdi al fine di non creare fraintendimenti rispettato a cosa è possibile e non è possibile fare. Anche Messina si appresta ad iniziare la Fase 2 e il primo segno di “semi normalità” condizionata, passa dalla riapertura delle ville comunali. Sull’argomento intervengono il segretario della FP CGIL Francesco Fucile e il responsabile aziendale Giuseppe Previti, i quali avanzano alcune precisazioni sulla nota inviata nei giorni scorsi dal dirigente del Dipartimento Servizi Ambientali, in merito alle modalità di riapertura. « La FP CGIL – affermano Fucile e Previti – propone al Dirigente di fare dei manifesti da affigere all’entrata delle ville affinché le regole (divieto di assembramento e rispetto del distanziamento personale superiore ad un metro; divieto di utilizzo, da parte dei bambini, dei giochi presenti nelle Ville; limitazione della permanenza delle persone all’interno degli spazi non eccedendo le 2 ore in modo da potere agevolare l’eventuale accesso ad altri cittadini), siano chiare e visibili ai cittadini, così che non possano nascere equivoci sui comportamenti corretti da adottare. Tale accorgimento – continuano i dirigenti sindacali – aiuterà i lavoratori a regolamentare le entrate e le uscite, ma soprattutto a metterli nelle condizioni di vietare l’uso dei tavoli e delle panchine per sostare o per essere utilizzati per giocare a carte». Proprio in merito alla necessità di far rispettare le regole, la FP CGIL fa presente «che i lavoratori destinati alla custodia e sorveglianza sono numericamente pochi, ed alcuni a 32 ore settimanali, pertanto garantire gli orari di apertura e di chiusura delle Ville (8,00/19,30) sarà matematicamente impossibile». Per la FP CGIL, inoltre, pulizia e decoro per il personale che ci lavora e per i cittadini fruitori di questi spazi verdi, sono anche sinonimo di sicurezza, e pertanto invita l’Amministrazione a dare disposizione alla Messina Servizi Bene Comune, «affinché si puliscano le ville che da ben due mesi sono state chiuse ed attualmente si trovano in totale stato di abbandono. I custodi possono impegnarsi a fare la pulizia ordinaria ma sicuramente non sono nelle condizioni di fare quella straordinaria, che ha necessità di essere eseguita con mezzi e lavoratori qualificati». La Funzione Pubblica CGIL, infine, chiede, per la sicurezza dei lavoratori «l’immediata consegna del Kit di protezione individuale (mascherine, guanti, disinfettanti), la sanificazione dei casotti/ spogliatoi e dei bagni pubblici ubicati all’interno delle stesse, quest’ultima condizione propedeutica alla riapertura, e all’ingresso delle zone verdi l’installazione di un erogatore disinfettante per le mani che possa essere fruibile dai visitatori».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione