Cacciotto e Gioveni: «Che fine ha fatto il Parco urbano di Camaro San Paolo?»

4 Maggio 2020 Cronaca di Messina

«Purtroppo sono trascorsi più di nove anni (febbraio 2011) da quando sono stati consegnati i lavori per la realizzazione del Parco Urbano Sant’Antonio a Camaro San Paolo. Ormai da diversi anni il completamento dell’opera si è fermato. Non nascondiamo il nostro rammarico anche perché, assai spesso, i residenti ci chiedono informazioni sul completamento di un’opera che purtroppo, bisogna riconoscerlo, si è trasformata in una eterna incompiuta».

Parole dei consiglieri Alessandro Cacciotto (Terza Municipalità) e Libero Gioveni (Consiglio Comunale), che si rivolgono allo Iacp e ad Arismè chiedendo chiarimenti in merito all’opera pubblica.

«Per il completamento del Parco Urbano – scrivono – basta poco ed è veramente un peccato privare un intera comunità di uno spazio immenso dove poter trascorrere del tempo; in questi anni l’alternativa per molti residenti è stata quella di rimanere in piedi in qualche angolo del quartiere o seduti su una sedia portata da casa. Comprendiamo e siamo coscienti che parlare di luogo sociale potrebbe fare a “pugni” con un periodo come questo legato alla Pandemia Covid – 19 ma allo stesso tempo la vita, si spera, dovrà tornare in fretta anche in considerazione che proprio oggi si entra nella c.d. fase 2. È necessario secondo i sottoscritti completare l’opera e consegnarla al più presto alla città. Inoltre, solo per completezza espositiva, l’abbandono del cantiere ha determinato che alcune barriere sono divelte. Durante gli ultimi mesi si è registrato anche il trasferimento di aree da I.A.C.P. ad ARISME ed è per questo motivo che chiediamo ad entrambe le SS. LL. in indirizzo di conoscere i motivi che impediscono il completamente del Parco. Chiediamo inoltre che venga convocato un tavolo tecnico, che abbia come o.d.g. il Parco Urbano di Camaro Sant’Antonio a Camaro San Paolo, ovviamente in ossequio alle misure Covid – 19 o anche attraverso skype».

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione