Momenti di tensione davanti alla Protezione civile per la protesta delle partite iva

4 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Una protesta durata un paio d’ore, tra le 17 e le 19, è stata inscenata da un centinaio di persone davanti al Centro operativo della Protezione civile di Messina questo pomeriggio, in attesa dell’arrivo del sindaco De Luca.

Si tratta soprattutto di imprenditori a partita Iva che gestiscono centri scommesse, sale biliardo, bar, ma anche di parrucchieri e barbieri. Anche loro sono alla fame, e molti hanno protestato vivacemente.

Non sono mancati momenti di tensione, con l’arrivo della polizia e della Digos, oltre ai vigili urbani della sezione di Pg. Quando è arrivato De Luca un gruppo è stato ricevuto dal sindaco: li ha pregati di attendere ancora qualche giorno per avere delle risposte, anche se come imprenditori privati dalla sua posizione – ha detto -, può fare ben poco. Tutti hanno reclamato la riapertura dei loro esercizi prima che sia troppo tardi, e molti hanno chiesto il versamento di un indennizzo per cercare di tirare avanti in qualche modo fino a quel giorno.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione