Messina, addio al rapper Gianni Freni ‘U Jamaicanu’: aveva 25 anni

7 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Gianni Freni è morto mentre si trovava nella sua abitazione, nella frazione di Borgo, in provincia di Messina.

Stando a una prima ricostruzione, il giovane si sarebbe sentito male dopo aver accusato un forte mal di testa e i familiari hanno chiamato i soccorsi del 118 che sono arrivati immediatamente. A nulla, però, è valso l'intervento dei sanitari che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del giovane musicista. Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri.

Il musicista era noto nella scena messinese con il nome di "U Jamaicanu" e amava Bob Marley, sebbene il suo genere musicale preferito fosse il rap.

Sulla pagina social dell'artista sono stati moltissimi i messaggi di cordoglio e di incredulità per una tragedia così dura e inaspettata.

Si tratta della seconda morte improvvisa in due giorni nel messinese. Proprio 24 ore prima di lui, infatti, era morto un altro giovane musicista, il deejay messinese Antonio Grillo, a soli 29 anni. In occasione di questa triste notizia, Gianni aveva espresso la sua volontà di contribuire con la sua musica o con la sua scrittura, ad una iniziativa per ricordare il giovane.

Era successo la mattina del giorno in cui poi, anche lui sarebbe stato strappato alla vita.

Tutti gli amici di Gianni Freni hanno riempito la sua pagina Facebook di messaggi pieni di affetto e disperazione. "Voglio svegliarmi e rendermi conto che è un incubo", "Non ho parole, nulla ha più senso", "Non può essere", sono solo alcuni dei pensieri che questa mattina compaiono sullo spazio social del cantante.

Ultimamente, "U Jamaicanu" aveva pubblicato un video realizzato ad aprile. Ogni partecipante aveva contribuito dalla sua casa e lui aveva scritto in un post "La quarantena non blocca la mente, non blocca le passioni". Lo ricordano tutti come un ragazzo gentile, entusiasta e dal cuore d'oro. "Eri luce per chi ti stava intorno" scrive un'amica con dolore. "Fai ballare tutti gli angeli" è un altro dei tanti saluti che gli arriva da un altro amico.

Non sono mancati i pensieri nei confronti della famiglia, distrutta dalla grave e improvvisa perdita: Gianni lascia i genitori e un fratello.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione