“Ripartiamo dalla cultura”, l’iniziativa di Udu per la Fase due

8 Maggio 2020 Culture

’inizio della fase due ha smosso gli animi di  imprenditori e artisti che sono rimasti fermi e che, secondo l’ultimo decreto della presidenza del consiglio dei ministri, dovranno restarci ancora per almeno un mese. Da qui sono nati una serie di proteste e progetti, ai quali si è affiancato UDU, il sindacato studentesco cittadino, con l’iniziativa “Ripartiamo dalla cultura”.

“Progettare la ripartenza significa per noi rimettere al centro la cultura in tutte le sue forme- hanno affermato gli esponenti di UDU- La crisi economica attanaglia questo settore e sono necessari investimenti che per troppo tempo sono stati considerati non prioritari. Il virus oltre ad attaccare la nostra salute fisica attacca la vita delle nostre comunità. Una comunità è viva se in essa vivono arte, creatività, musica, teatro, cinema, musei e biblioteche.”

Così il sindacato ha deciso di aderire a due iniziative cittadine che vanno in questa direzione: la protesta dei Teatri Off cittadini, che richiedono un sostegno economico e l’iniziativa dell’associazione studentesca universitaria Chirone di creare un drive-in all’interno della cittadella universitaria, per far ripartire la socialità sotto nuove forme.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione