Unesco Talks: la rete camerale “Mirabilia Network” inaugura giovedì 14 maggio un ciclo di incontri online sui temi del turismo del futuro, dopo l’emergenza da Covid 19

12 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Immaginare il turismo futuro dopo l’emergenza da Covid 19. Questa l’idea della rete Mirabilia Network, che a oggi coinvolge 18 Camere di commercio italiane, tra le quali Messina, che offre l’opportunità di un’offerta turistica integrata dei siti Unesco meno noti e che, a seguito dei cambiamenti innescati dall’emergenza Coronavirus nel settore del turismo, ha deciso di scendere in campo a fianco degli operatori con un ciclo di incontri online ideati per analizzare l’evoluzione dei modi di viaggiare e di fruire i contenuti offerti dalle destinazioni.

«La stagione turistica è alle porte – afferma il presidente dell’Ente camerale, Ivo Blandina – ma è già fortemente compromessa, a causa degli inevitabili provvedimenti restrittivi dovuti all’emergenza sanitaria da Covid 19. Le misure introdotte per contenere gli effetti della crisi sulla nostra economia sono insufficienti e tardive. Urgono interventi immediati e non più procrastinabili, efficaci e tangibili, per evitare il collasso dell’intero tessuto imprenditoriale e, nello specifico, del settore turistico che mostra tragici segnali di recessione, come dimostrano le manifestazioni di protesta innescate negli ultimi tempi dagli operatori. Non da ultima, quella che vede coinvolte le Isole Eolie, patrimonio Unesco del nostro territorio, consumatasi nell’arcipelago eoliano con la consegna delle chiavi delle proprie attività da parte di 240 imprenditori. Pensare al turismo è un imperativo categorico in questo momento. Motivo per cui la Camera di commercio ha condiviso sin da subito l’iniziativa della rete Mirabilia Network, della quale fa parte da tempo, accendendo i riflettori sul turismo “post Coronavirus”».

“Unesco Talks – Culture & Travel” prenderà il via giovedì 14 maggio, dalle 10 alle 13, con grandi nomi in grado di informare, ispirare, fornire visioni, grazie ai contenuti organizzati in collaborazione con “Destination Makers”. Diretta streaming sulla pagina Facebook (fb.com/MirabiliaNetwork/) e sul canale Youtube (https://www.youtube.com/channel/UCWlSe9VSntxsx4D3gFTQ1Lg) di Mirabilia Network.

Dopo i saluti iniziali di Angelo Tortorelli, presidente della rete Mirabilia Network, e di Vito Signati, direttore di Asset – Azienda speciale della Cciaa della Basilicata, toccherà a Emma Taveri, Ceo di Destination Makers, dare una overview con “Destinazioni, dal Dove al Perché. Per rinascere e competere incontrando interessi ed esigenze in continua evoluzione”. Il primo panel, “Destinazioni, attrattori culturali, eventi. Quali scenari ci attendono nel post pandemia?” vedrà la partecipazione di Alessandra Priante, Direttore generale della Commissione regionale Europa dell’Unwto, e di Gloria Armiri, group brand manager di Tourism & Hospitality Division IEG, oltre che del già citato Signati. Modera il giornalista freelance, Vito Verrastro. 

A seguire, si affronterà il tema dei dati, in un talk in cui si confronteranno Mirko Lalli, fondatore e Ceo di “The Data Appeal Company” e Luca Romozzi, Senior director South Europe & Tourism, Sojern. Spazio anche al trend della sostenibilità, in un panel che vede ospiti Cristina Lambiase, esperta in management della sostenibilità per il turismo, e Sergio Cagol, consulente e formatore in tema di turismo sostenibile. Moderatrice, Annalisa Spalazzi, ricercatrice nel turismo sostenibile. 

Nuove opportunità nei Borghi? Ne discuteranno Gianfilippo Mignogna, vicepresidente associazione Borghi Autentici d’Italia, e Andrea Zuanetti, imprenditore di una startup che offre soluzioni su smart working e proposte turistiche in destinazioni minori. 

Infine, largo ai giovani con nuove proposte culturali e creative di Luca Pietro Ungaro, presidente di Culturit, e Fattore Wow, startup che offre una mappatura interattiva dei centri culturali indipendenti italiani. Moderatrice, Silvia Moggia, Hospitality & Travel Management.      

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione