Coronavirus, 34 mila euro agli ospedali messinesi tramite le campagne di crowfunding

13 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Sono quasi 34 mila euro i fondi che sono stati accredidati all’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina e che sono stati raccolti attraverso la piattaforma di crowdfunding on-line GoFundMe, mediante due campagne avviate per fornire supporto alle strutture sanitarie messinesi impegnate a fronteggiare l’emergenza Covid-19.

La prima, promossa dalla professoressa Maria Grazia Sindoni, era mirata ad aiutare tanto il Policlinico, quanto l’ospedale “Papardo” di Messina e ha raccolto ad oggi complessivamente 37.093,32 euro, che saranno equamente suddivisi tra le due strutture sanitarie. La seconda, promossa dal dottore Giuseppe Romeo e che aveva solo il Policlinico come destinatario, ha fruttato ad oggi 15.301,72 euro. Complessivamente, quindi, all’A.O.U. sono stati donati (al netto delle trattenute della piattaforma) 33.848,38 euro.

Per gestire l’accreditamento delle somme, procedura rivelatasi complessa a causa dell’enorme mole di lavoro in cui è stata coinvolta a livello mondiale la piattaforma GoFundMe, l’A.O.U. si è avvalsa anche del progetto “Fundraiser per Ospedali in emergenza COVID-19”: un gruppo di lavoro, creato da Diego Maria Ierna e Luca Di Francesco, costituito da Job4good e da professionisti del settore della raccolta fondi in Italia, con il patrocinio di ASSIF (Associazione Italiana Fundraiser) e con l’obiettivo di fornire un servizio di consulenza pro-bono legato all’emergenza coronavirus.

“I sacrifici fatti in questi giorni dall’Azienda – afferma il direttore generale del Policlinico, Giuseppe Laganga – per affrontare l’emergenza sanitaria sono stati pienamente ripagati dall’affetto e dalla vicinanza di tutta la popolazione. Un grazie particolare a tutti coloro i quali hanno voluto devolvere delle somme di denaro, ma anche a coloro che hanno fatto pervenire mascherine o attrezzature che ci sono state particolarmente utili”.

“Per quanto riguarda le somme di denaro, utilizzeremo questi importi per migliorare percorsi assistenziali che garantiscono la sicurezza sempre nell’ambito del contrasto al Covid-19. Contiamo di sfruttarli al meglio e, via via, renderemo noto a tutti coloro che hanno contribuito alle raccolte come stiamo utilizzando i fondi”, conclude Laganga.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione