#VIDEO e FOTO – PAURA A SPADAFORA PER UN VASTO INCENDIO. CHIUSA E RIAPERTA L’AUTOSTRADA ME-PA

13 Maggio 2020 Cronaca di Messina

[embed]https://youtu.be/hMmCzBjimic[/embed]

 

Un vasto incendio si è sviluppato intorno alle 12 in località San Martino, Grangiara e Nisi a Spadafora. Le fiamme, alimentate dal forte vento di scirocco, hanno invaso in poco tempo anche la frazione di Grangiara fino al confine del ponte autostradale nei pressi del cimitero di Spadafora.

L'immensa nube di fumo dalla vallata si è sollevata sino a raggiungere la carreggiata della A20 Messina-Palermo e l'autostrada è stata chiusa. Sul posto in atto gli interventi da parte dei Vigili del Fuoco di Messina, di Villafranca Tirrena e di Milazzo, la Guardia di Finanza, i carabinieri di Rometta e Spadafora, i volontari dell'associazione Misericordia, vigili urbani e personale Anas.

Da una prima ricostruzione, le fiamme sembrano essere sfuggite di mano al proprietario di un terreno agricolo, che aveva dato fuoco a dei cumuli di sterpaglie. Andati in fumo già diverse decine di ettari di macchia mediterranea considerata che è stata colpita gran parte della zona collinare di Spadafora. L'incendio ha lambito diversi capannoni artigianali così come le abitazioni lungo la provinciale Spadafora-San Martino.

Al lavoro 65 Vigili del fuoco per estinguere gli incendi di interfaccia con 12 APS (auto pompe serbatoio), 3 ABP (auto botti pompa) e 10 moduli antincendio. Anche due Canadair hanno operato fino alle 20:00 effettuando ben 34 lanci. Gli incendi si sono verificati anche nel comune di Tusa.

L'incendio è stato domato nella notte. L'ultima squadra dei vigili del fuoco impegnata, è andata via intorno a mezzanotte. Secondo quanto riferito i danni riguardano gli ettari di terreno ma per fortuna non hanno interessato la scuola Galilei e il cimitero.

In serata è stata anche riaperta l'autostrada Palermo-Messina nel tratto dove le fiamme avevano l'ambito l'asse autostradale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione