CARABINIERI NAS: Sequestrati alimenti non conformi. Attività sospesa per un’industria alimentare di succhi d’agrumi

14 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Con l’approssimarsi della stagione estiva riprendono da parte carabinieri dei Nas i controlli della filiera alimentare dei prodotti agroalimentari destinati alla preparazione di bibite, succhi di frutta ed altri derivati di largo consumo.

Nel corso di servizi svolti sul versante tirrenico messinese, i militari del Nas di Catania, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Sant’ Agata Militello, hanno individuato un’industria alimentare dedita alla produzione di succhi d’agrumi, ove venivano svolte alcune lavorazioni senza il rispetto delle norme igienico-sanitarie.

Già al primo accesso saltava subito all’occhio dei carabinieri l’irregolare stoccaggio, nel piazzale interno dello stabilimento non autorizzato sanitariamente, di numerosi fusti metallici contenenti succo concentrato allo stato di congelato, privi di coperchi, alla diretta esposizione della luce e degli agenti atmosferici. Per tale motivo si è proceduto al sequestro del succo, contenuto all’interno di n. 107 fusti, poiché ritenuti in cattivo stato di conservazione e non più utile per l’immissione nel circuito produttivo. 

Si è in attesa della convalida del sequestro che il P.M. della Procura della Repubblica di Patti, il  Dott. Alessandro Lia, ha richiesto al G.I.P..

Per l’irregolare situazione riscontrata è stato chiesto il tempestivo intervento di personale della locale Azienda Sanitaria Provinciale che, unitamente a personale del NAS, procedeva anche all’immediata sospensione dell’attività di stoccaggio degli alimenti, effettuata in 3 locali privi dei minimi requisiti igienico sanitari e strutturali.

I controlli nel delicato settore, disposti secondo una precisa strategia operativa dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, continueranno sul restante territorio e verranno estesi anche ad altre aree geografiche prettamente vocate alle produzioni agrumicole. In tale ambito saranno eseguiti analisi di laboratorio per accertare la genuinità dei prodotti agroalimentari, contro potenziali rischi di sofisticazioni, contraffazioni o l’impiego di materie prime di bassa qualità anche di provenienza extra comunitaria.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione