Fase 2, l’Arcivescovo di Messina emana le disposizioni per la ripresa delle messe

14 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Anche le Chiese si preparano alle riaperture stabilite dal dpcm sulla cosiddetta “Fase 2”. “Facendo seguito al Protocollo circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo sottoscritto dal Card. Gualtiero Bassetti, dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Ministro dell’Interno il 7 maggio scorso, l’Arcivescovo ha emanato le disposizioni per la ripresa delle messe con il popolo. A partire dal 18 maggio sarà possibile celebrare nelle chiese con tutti gli accorgimenti richiesti dalle normative vigenti”.

“In particolare, occorrerà fare attenzione alle modalità di accesso al luogo della celebrazione, evitando assembramenti e raccomandando ai fedeli di essere responsabili per ciò che riguarda la temperatura, gli stati influenzali e gli eventuali contatti con persone positive al Covid-19. I parroci indicheranno la capienza massima del luogo della celebrazione – spiega la nota ufficiale – sensibilizzando i fedeli alle attività di prevenzione anche attraverso la collaborazione degli operatori pastorali e di volontari della parrocchia”.

Sarà richiesto “l’utilizzo delle mascherine, il rispetto del distanziamento sociale e l’igienizzazione delle mani all’ingresso”.”Al momento della Comunione, il sacerdote indosserà la mascherina e i guanti monouso, senza tralasciare l’igienizzazione delle mani. In base alla conformazione della chiesa, si potrà distribuire l’eucarestia raggiungendo i fedeli ai posti occupati, o invitando gli stessi a recarsi processionalmente dai ministri nel rispetto della distanza sanitaria prevista”.

“È consentita la trasmissione in streaming delle messe con la partecipazione del popolo. Qualora le chiese non fossero idonee all’osservazione delle disposizioni vigenti, sarà possibile svolgere le celebrazioni all’aperto, assicurandone la dignità e il rispetto della normativa sanitaria, soprattutto il distanziamento sociale – conclude – È al momento sospesa la celebrazione del sacramento della Confermazione e delle ‘messe di Prima Comunione'”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione