CALCIO: ADDIO A TONINO COLOMBAN, IL MISTER GENTILE. GUIDO’ IL MESSINA IN SERIE A

18 Maggio 2020 Sport

Si è spento questa notte all’età di 88 anni mister Tonino Colomban, ex centrocampista e allenatore dell’ACR Messina, da qualche giorno ricoverato all’Ospedale Papardo per insufficienza cardiaca. Era nato a Fasana, in Croazia, il 5 febbraio 1932. Era un uomo perbene, discreto, dai modi gentili. Un’eccezione nel mondo del calcio. Amava la città di Messina, dove decise di trascorrere la sua vita dopo varie esperienze in altre realtà calcistiche italiane, soprattutto quella in terra sarda dove lasciò un ottimo ricordo. Cresciuto nelle giovanili del Milan dal 1951 al 1957 ha giocato nel Messina, in Serie B. Con i Siciliani ha disputato complessivamente 137 incontri, mettendo a segno 22 reti. Ha inoltre giocato nel Cagliari nelle tre stagioni successive, sempre fra i cadetti collezionando 85 presenze e segnando 4 reti. Ha concluso la carriera nel Taranto in serie C nella stagione 1960-61. In carriera ha totalizzato complessivamente 222 presenze e 26 reti in Serie B. Come allenatore ha iniziato la carriera di allenatore nel 1957: nella doppia veste di allenatore-giocatore ha sostituito Rodolphe Hiden  alla guida del Messina, dalla 27ª alla 30ª giornata del campionato di Serie B 1956-1957.

In seguito ha allenato nei primi cinque livelli del campionato di calcio, dalla Serie A alla Serie D. Ha infatti guidato il Messina in A, in Serie B, in Serie C ed in Serie C1. Ha guidato anche l’Igea Barcellona in Serie C2; la Torres in Serie C (vincendo il campionato) e Serie D; l’Olbia in Serie C; il Gallipoli, il  Vittoria (promosso) e il Nissa in Serie D.

Esordì nella panchina del Messina in serie A a 32 anni, il 13 settembre del 1964 contro la Juventus (1-1). Il Messina con 22 punti si piazza al penultimo posto della classifica e retrocede in Serie B con il Genoa che a ha raccolto 28 punti e con il Mantova che ha ottenuto 21 punti.

Questa la Rosa dell’Acr Messina 1964-1965 del presidente Goffredo Muglia.

N. Ruolo Giocatore
Italia P Alberto Recchia
Italia P Piero Baroncini
Italia D Gianfranco Garbuglia
Italia D Antonio Ghelfi
Italia D Franco Landri
Italia D Fernando Benatti
Italia D Angelo Stucchi
Italia D Franco Rosati
Italia D Filippo Regni
Italia C Bruno Gioia
Italia C Roberto Derlin
Italia C Gianfranco Clerici (I)
N. Ruolo Giocatore
Italia C Nunzio Cavazza
Italia A Romano Bagatti
Italia A Paolo Morelli
Italia A Eugenio Brambilla
Italia A Egidio Morbello
Italia A Franco Dori
Germania A Jürgen Schütz
Italia A Achille Passoni
Italia A Antonio Marangi
Italia A Livio Luppi
Italia A Marcello Rigo

 

Godendo della fiducia nei suoi confronti dell’allora presidente Muglia, Colomban rimase sulla panchina in serie B nei due anni successivi. In seguito, iniziò il suo girovagare tra i campi di Sardegna e Sicilia sino al ritorno sullo stretto nel 1986/87 per la breve sostituzione di mister Scoglio alla guida dei “bastardi”, quando il tecnico liparoto andò in Russia per un corso di aggiornamento, proprio nella fase cruciale d’un campionato che vide, poi, i biancoscudati perdere il pass per la Serie A.

Ritornerà ad allenare il Messina a chiusura di carriera agli inizi degli anni ’90 in serie B in coppia con Piero Ruisi, in seguito all’esonero di Materazzi, e in C1 insieme a Gianni Anna, alla 29^ giornata del campionato 1992/93, per sostituire proprio Pietro Ruisi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione