Messina. I commercianti di Largo Seggiola chiedono più attenzioni per la piazza

20 Maggio 2020 Cronaca di Messina

I commercianti di Largo Seggiola – pronti per affrontare la Fase 2 – riuniti su iniziativa di Maria Fernanda Gervasi già consigliere della IV Circoscrizione e candidata alle scorse elezioni Europee, hanno inviato al sindaco Cateno De Luca, agli assessori competenti, al Consiglio della IV Circoscrizione, alla Messinaservizi Bene Comune ed all’AMAM, una richiesta di interventi urgenti per riqualificare l’area limitrofa a Piazza del Popolo.

Nella richiesta protocollata al Comune di Messina, firmata dai commercianti della zona,  si fa richiesta di avviare, oltre agli interventi urgenti di potatura delle aiuole, la rimozione dei panettoni non più a norma, il ripristino della fontana per l’irrigazione delle aiuole, il ripristino dell’illuminazione, la messa in sicurezza della pavimentazione, il ripristino dei dissuasori per evitare l’ingresso (non autorizzato) di automobili, ed il ripristino del basolato.

Nel 2015, ho proposto, ed ottenuto, la pedonalizzazione di Largo Seggiola ritenendo la piazza,
anche per il suo posizionamento centrale, ricca di potenziale aggregativo e quindi anche attrattivo
per le attività commerciali. Ed infatti così è, ma solo per volontà di chi gestisce i locali ivi ricadenti
con scarso interessamento da parte del comune. Fare la scerbatura una tantum non basta e la
mancanza di progettazione sembra diventata ormai una prassi”.

Così dichiara Maria Fernanda Gervasi, “E’ chiaro che in queste ultime settimane l’amministrazione ed in generale le istituzioni locali abbiano avuto riguardo quasi unicamente alla gestione dell’emergenza, come
giusto che fosse, ma, ora che bisogna ripartire, è importante dare un segnale di sostegno al
commercio cittadino anche con gli ordinari accorgimenti. Per questo motivo ho ritenuto importante
coinvolgere chi ogni giorno si adopera con la sua attività per creare richiamo nella zona”.

“Abbiamo chiesto niente di più di quello che ci si aspetta non solo come cittadini ma ancor di più
come esercenti della zona che vorrebbero essere messi nella condizione di fruire di spazi dignitosi,
– dichiarano i commercianti di Largo Seggiola, Pietro Arcovito, Maurizio Cappuccio, Iyad,
Venera Leto, Domenico Martino, Sergio Occhino, Grazia Sentineri, Francesco Spartà
rispettivamente nella qualità di titolari delle attività “Crudo”, “Zio Angelo”, “Pizzeria Iyad”,
“Colapesce”, “Autoscuola La Milanese”, “Il Cortile Segreto”, “Caffè Centrale”, “Pescado” e
Giuseppe D’Angelo nella qualità di direttore del supermercato “Ard”. “Il ripristino di n. 4
dissuasori al fine di evitare l’ingresso di veicoli all’interno dell’area pedonale, interventi urgenti di
potatura, la rimozione dei panettoni non più a norma, il ripristino della fontana per l’irrigazione
delle aiuole, il ripristino dell’illuminazione (apposizione di fari, faretti ai piedi della statua,
rimozione delle plafoniere divelte), la scerbatura e la pulizia della piazza periodiche, la messa in
sicurezza della pavimentazione, nonché la rimozione e/o ricollocazione dell’espositore
pubblicitario. Nell’ottica, poi, di una programmazione e di una riqualificazione definitiva, abbiamo
chiesto anche la pavimentazione uniforme della piazza, proprio come è stato fatto di recente per
piazza Santa Caterina”.

L’appello degli imprenditori – aggiunge e conclude Gervasi – è rivolto alle istituzioni competenti nell’auspicio di intraprendere un dialogo propositivo per la valorizzazione di quest’area, Largo Seggiola, tanto importante per chi la frequenta e, potenzialmente, per l’economia ed il centro storico di Messina”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione