Brolo (ME): Denunciati i titolari di due aziende per violazione ambientali e sequestrati gli impianti di produzione

23 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Ieri, a Brolo (ME), nell’ambito dei controlli svolti alle attività produttive, industriali e commerciali, per verificare il rispetto delle normative in materia di lavoro e di ambiente, i Carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Operativo Ecologico di Catania hanno svolto un’attività ispettiva congiunta presso il complesso di un’azienda brolese che produce prodotti in calcestruzzo per l’edilizia.Nel corso dell’accesso ispettivo, i Carabinieri hanno riscontrato violazioni alle norme del Testo Unico Ambientale in relazione allo smaltimento di rifiuti e delle acque reflue. In particolare i militari hanno accertato come l’azienda sversasse le acque meteoriche e di dilavamento dei prodotti lavorati e stoccati nel piazzale dello stabilimento nella rete pubblica fognaria. Inoltre è stata accertata anche l’assenza della prescritta autorizzazione per le emissioni in atmosfera delle polveri derivanti dal ciclo di lavorazione dell’impianto di produzione cementizio.

I militari hanno altresì accertato che una porzione dell’area industriale era affittata ad un’azienda artigiana che svolge l’attività di lavorazione delle pietre e del marmo. Anche le lavorazioni effettuate da questa seconda azienda presentavano delle irregolarità poiché le acque reflue industriali erano raccolte all’interno di contenitori in plastica inidonei al contenimento del liquido. Inoltre nel suolo, non impermeabilizzato, sono state riscontrate tracce di pregressi scarichi, frammisti a fanghi costituiti dalle polveri del ciclo di lavorazione della pietra. Infine, l’artigiano non era in grado di esibire alcuna documentazione relativa allo smaltimento dei rifiuti, generati dalla sua attività produttiva ed in particolare barattoli di stucchi, colle e dischi obsoleti utilizzati per il taglio delle pietre ed i militari non sono, pertanto, riusciti a verificare come negli anni la ditta avesse smaltito i materiali. 

Al termine degli accertamenti, i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Patti (ME) per violazioni al Testo Unico sull’Ambiente, il titolare della ditta di produzione di calcestruzzo per le ipotesi di reato di immissione non autorizzata di reflui industriali ed immissioni non autorizzate in atmosfera e l’artigiano per le ipotesi di reato di gestione di rifiuti non autorizzata e immissione non autorizzata di reflui industriali ed  hanno proceduto al sequestro preventivo dei macchinari e degli impianti di produzione di entrambe le aziende.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione