Strage Capaci, magistrati di Messina ricordano il giorno dell’anniversario

23 Maggio 2020 Inchieste/Giudiziaria

La Giunta distrettuale dell’Anm di Messina, nel ventottesimo anniversario dalla strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Falcone, la moglie e tre agenti della scorta, ricorda l’impegno nella lotta alla mafia e il coraggio degli uomini diventati espressione di un cambiamento.

L’esempio di Falcone a distanza di tempo continua ad essere simbolo della lotta alla criminalità organizzata. Per diffondere il messaggio di legalità la Giunta distrettuale dell’Associazione Nazionale Magistrati ogni anno organizza eventi coinvolgendo anche le scuole, perché attraverso le giovani generazioni si costruiscano le basi per una società più sana. “Quest’anno, a causa delle misure di protezione per il Covid 19, non organizzeremo alcun evento pubblico – spiega la sezione distrettuale dell’Anm, guidata dal magistrato Maria Militello – ma vogliamo ricordare il giorno dell’anniversario con un ringraziamento ai colleghi, alle forze dell’ordine e a tutti coloro che ogni giorno con dedizione sono impegnati nella lotta contro la criminalità, mettendo a rischio la propria incolumità. Un ringraziamento va anche alle scuole e alle insegnanti che anche nel periodo di sospensione delle attività didattiche hanno continuato ad assicurare a distanza il servizio scolastico, perché la lotta all’illegalità passa anche attraverso la diffusione della cultura.”

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione