Cristina Cannistrà: «Al termine del lockdown i messinesi hanno trovato una città più sporca di prima»

25 Maggio 2020 Politica

«Al termine del lockdown i messinesi hanno trovato una città più sporca di prima, come dimostrano le tantissime segnalazioni da parte dei cittadini, da nord a sud, con particolare riferimento alle periferie». Parole della consigliera comunale del M5s Cristina Cannistrà, che lo scorso 12 maggio, nel corso della seduta della III Commissione “Igiene e sanità”, ha chiesto la convocazione in aula del cda della Messina Servizi Bene Comune. L’obiettivo è quello di verificare il lavoro svolto dalla società di rifiuti nel corso della quarantena e conoscere quali misure siano state disposte per ripristinare il decoro urbano.

«La proposta - spiega la pentastellata - è stata accolta da tutta la commissione e dal presidente Giovanni Scavello, che ha convocato il cda dell’azienda, con la quale ci confronteremo domani in Aula. Si tratta di un passaggio necessario per capire le ragioni di tanta incuria e sporcizia, a partire dai mancati interventi di scerbatura. Apprendo dai comunicati stampa della Messina Servizi che finalmente si sta procedendo con gli interventi di pulizia, ma sarebbe stato opportuno “consegnare” ai messinesi una città pulita già all’avvio della Fase 2: una circostanza che probabilmente avrebbe potuto rappresentare un deterrente per chi continua a non curarsi del bene comune. Come spiega la “teoria della finestra” rotta il degrado produce solo degrado», conclude la consigliera, citando nello specifico i tanti guanti e le tante mascherine abbandonate sul suolo pubblico.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione