MEMORIA AGLI ‘INSABBIATI’: DA PIPPO FAVA A ILARIA ALPI. INTITOLATE ALCUNE VIE DI SANTA LUCIA SOPRA CONTESSE A GIORNALISTI VITTIME DELLE MAFIE E DEI POTERI OCCULTI

26 Maggio 2020 Culture

di Edg – Con la delibera 227 del 15 maggio la Giunta comunale ha approvato la proposta di intitolare diverse strade del Villaggio di Santa Lucia Sopra Contesse a giornalisti, magistrati e poliziotti vittime della mafia e non solo.

Proposte approfondite, discusse e approvate ancor prima dalla Commissione per la Toponomastica che si era riunita il 25 febbraio e che è composta dal segretario comunale Rossana Carrubba, dal consigliere comunale Nino Interdonato, in rappresentanza del consiglio comunale, dai dirigenti Salvatore De Francesco, Antonio Cardia e Antonio Amato e dai professori Cupaiolo, Restifo, Moscheo e Sindoni.

Sono nomi ‘pesanti’ quelli suggeriti dalla seconda circoscrizione ma anche da singoli cittadini. Sono i nomi di chi ha fatto la storia del giornalismo italiano con coraggio e libertà, sfidando, fino a rimetterci la vita, la mafia, come nel caso dell’intellettuale e giornalista d’inchiesta Pippo Fava, del giornalista vestito di bianco Mauro Ristagno, dei cronisti de l’Ora Mauro de Mauro e Giovanni Spampinato, del cronista di nera e giudiziaria del Giornale di Sicilia Mario Francese, o i traffici internazionali di armi e rifiuti tossici come nel caso di Ilaria Alpi, la giornalista del Tg3 assassinata a Mogadiscio insieme al suo cineoperatore Miran Hrovatin e di Maria Grazia Cutuli, uccisa in Afghanistan. Ma ci sono anche magistrati e poliziotti che hanno sfidato il potere criminale mafioso e i poteri occulti e sono rimasti uccisi nel compimento del loro dovere come Giangiacomo Ciaccio Montalto, Cesare Terranova, Antonio Scopelliti e Lenin Mancuso.

Perchè Santa Lucia sopra Contesse.

La Commissione ha scelto non a caso il Villaggio di Santa Lucia sopra Contesse, che presenta una toponomastica e una numerazione civica con evidenti situazioni di criticità, sia per la mancanza e sovrapposizione di denominazioni delle strade e sia per la mancanza di numerazione civica, determinando, di fatto, un’incongruenza tra il dato anagrafico di circa 1100 nuclei familiari e lo stato dei luoghi (stessi problemi riscontrati anche a Camaro). Le abitazioni esistenti su quelle strade non sono facilmente individuabili, in assenza di toponomastica, con conseguenti disagi nel far recapitare ai cittadini la posta. Si è così deciso di procedere ad una riorganizzazione complessiva della toponomastica, sottolineando che nel Villaggio è già presente una Via intitolata a Beppe Alfano. Anche per questo la II Circoscrizione ha deliberato per l’intitolazione di alcune strade, in sintonia con questa prima, a giornalisti vittime di mafia.

Ecco di seguito tutti i personaggi pubblici a cui si è deciso di intitolare alcune strade. 

La Commissione ha approvato all’unanimità le intitolazioni nel Villaggio di Santa Lucia sopra Contesse a

  • –  Mauro De Mauro (Foggia, 1921 – 1970), giornalista, rapito da Cosa nostra e mai più ritrovato.
  • –  Giovanni Spampinato (Ragusa, 1946 –1972), giornalista, vittima di mafia.
  • –  Mario Francese (Siracusa, 1925 –1979), giornalista, vittima di mafia.
  • –  Cosimo Cristina (Termini Imerese, 1935 –1960), giornalista ucciso di mafia.
    • –  Mauro Rostagno (Torino, 1942 –1988), sociologo, giornalista e attivista italiano, vittima di mafia.
    • –  Antonio Scopelliti (Campo Calabro, 1935 –1991), magistrato italiano, vittima di mafia.
    • –  Giangiacomo Ciaccio Montalto (Milano, 1941 –1983), magistrato italiano, vittima di mafia.
    • –  Cesare Terranova (Petralia Sottana, 1921 –1979), politico e magistrato italiano, vittima di mafia.
    • –  Lenin Mancuso (Rota Greca, 1922 –1979), poliziotto italiano, ucciso dalla mafia insieme al giudice Cesare Terranova.
    • –  Beppe Montana, (Agrigento, 1951 –1985), poliziotto italiano, vittima di mafia.
    • –  Emanuela Loi (Cagliari, 1967 – 1992), agente di Polizia, morta nella Strage divia D’Amelio;
    • –  Ilaria Alpi, (Roma, 1961 – 1994), giornalista e fotoreporter italiana del TG3, as-sassinata a Mogadiscio;
    • –  Miran Hrovatin (Trieste, 1949 –1994), fotografo e operatore di ripresa italiano,assassinato insieme alla giornalista Ilaria Alpi;
    • –  Maria Grazia Cutuli (Catania 1962 – 2001), giornalista italiana, assassinata inAfghanistan. Ma non c’è solo il villaggio di Santa Lucia sopra Contesse ad essere interessato a questa piccola rivoluzione del piano della toponomastica. Un riordino necessario ma anche un percorso di rinnovamento e di recupero dell’identità cittadina. Ecco tutte le altre decisioni prese dalla Commissione e approvate dalla Giunta Comunale.

     nel Villaggio di Camaro:

– la strada compresa tra la Via Antonino Amico e la Via Gerobino Pilli, in direzione est, a: Giovanni Capece Minutolo, principe di Collereale (Messina, 1772 – 1827), militare di carriera e nobile italiano di grande umanità,

per le traverse prive di denominazione, subito dopo la Via Agostino Inveges verso monte, tutte comprese tra la Via Gerobino Pilli, in direzione Sud verso Via Antonino Amico:

– la prima traversa, parallela alla Via Agostino Inveges, a: Giovanfrancesco Boccaccini (Pistoia, 1786 – 1877), tenore, pittore e decoratore italiano di grande fama.

– la seconda traversa, a: Placido Giunta (Valdina – Me, 1593 – 1674), gesuita italiano celebre per le eccezionali doti umane e per lo spirito di carità.

– la terza traversa, a: Natale Carta (Messina, 1790 – 1884), pittore italiano di grande abilità e prestigio.

    Villaggio Contesse:

–  per il tratto di strada compreso tra la Via Marco Polo e la Via Adolfo Celi, già denominato Via Minissale, si approva il cambio di denominazione a: Metrodoro, stratigoto di Messina (V Secolo d.C.).

–  per la strada che inizia dalla Via Bartolomeo Colleoni, e in direzione ovest, si ricongiunge alla stessa Via, si mantiene la denominazione a : Via Minissale

   Villaggio Tremestieri:

– per la strada compresa tra la Via Consolare Valeria e la Strada Statale 114, si mantiene la denominazione già in uso da parte della popolazione: Via Rotonda.

  Zona Centro

–  per la strada, priva di denominazione, si approva l’estensione della Via Palmara, che prende inizio dalla Via Sardegna, mantenendone la denominazione, già in uso da parte della popolazione, fino alla Via del Santo.

–  per la strada, priva di denominazione, compresa tra la Via Palermo e il Viale Giostra, a: Lucia Natoli.

–  per la Via Onofrio Gabriele, al quale è già intitolata un’altra via nel territorio comunale (nel Villaggio di Gesso, dove il pittore è nato) si approva il cambio di denominazione in Via Giacomo Galatti, estendendo questa denominazione dal Viale Regina Elena fino alla Via Girolamo Savonarola.

  Villaggio Paradiso

–  per la strada compresa tra la Via Consolare Pompea, attraversa la Strada Panoramica dello Stretto e prosegue verso monte, sino a fine strada, si mantiene la denominazione già in uso da parte della popolazione a: Salita Fosse;

–  per la strada compresa tra la Via Consolare Pompea, attraversa la Strada Panoramica dello Stretto e prosegue verso monte, sino a fine strada, si mantiene la denominazione già in uso da parte della popolazione a: Salita Fondelle e Canale;

  Villaggio Curcuraci

– per le stradine private, comprese tra la Via San Giuseppe sino a fine strada, l’intitolazione a Vico I e Vico II di Via San Giuseppe.

La Commissione ha poi approvato all’unanimità (ma deve essere ancora ratificata dalla Giunta comunale)

la proposta pervenuta dalla VI Municipalità, di intitolazione della ex “Via Trento”, ricadente nella VI municipalità, a Valentina D’Arrigo (Messina, 1970 – 2003), personaggio locale particolarmente meritevole nell’attività lavorativa e scientifica (prese parte al progetto ESA), nonchè persona che ha coniugato estro, amore, generosità verso la vita, la scienza e verso tutti.

la proposta pervenuta dalla II Municipalità, di intitolazione dell’ex “Piazza San Francesco” di Contesse (la piazzetta in questione non risulta agli atti dell’Ufficio Toponomastica e pertanto risulta priva di denominazione) al Dottor Ignazio Lax (USA, 1910 – 1992), medico, pediatra, clinico e accademico presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Messina.

la proposta pervenuta dal Dott. Angelo Costantino, di intitolazione di una Via/Viale/Corso/Piazza, a Celeste Brancato (Messina, 1969 – 2009), personaggio locale dalla solida formazione artistico-teatrale, grande cultura, nonché di meriti artistici e professionali, riconosciuto in Italia e all’estero (la Commissione, dopo approfondita discussione, ha approvato all’unanimità, di intitolare un’area di circolazione – ancora da individuare – alla figura di Celeste Brancato).

la proposta pervenuta dalle Signore Caterina ed Angelica Santamaria, di collocazione, nel cinquantesimo anniversario della morte, di una targa commemorativa nel campo di atletica leggera “Ex Gil” a Salvo Santamaria (Messina, 1952 – 1969), giovane giavellottista morto tragicamente, all’età di 16 anni, in un incidente ferroviario al ritorno da una gara di atletica tenutasi a Palermo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione