Mafia di Barcellona: 7 anni e 2 mesi di reclusione per ‘Carmelo’ Salamone, l’ex consigliere di Terme Vigliatore

2 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

E' arrivata poco dopo mezzanotte la sentenza per i giudizi abbreviati dell’operazione antimafia “Gotha 7”, la maxi inchiesta che nel corso degli ultimi anni ha scritto una pagina nuova sulla geografia mafiosa di cosa nostra barcellonese e dell’hinterland tirrenico di Messina. In questo troncone la sentenza ha riguardato tre imputati, che hanno optato per il rito abbreviato dopo un aggravamento dell'imputazione. L’accusa è stata sostenuta dai sostituti della Dda di Messina Fabrizio Monaco e Francesco Massara.

Come scrive Nuccio Anselmo su Gazzetta del Sud, per l’ex consigliere comunale di Terme Vigliatore Francesco "Carmelo" Salamone (foto) c’è da registrare la condanna per i reati di concorso esterno all’associazione mafiosa dei barcellonesi e tentata estorsione con metodo mafioso, la pena finale decisa è di 7 anni e 2 mesi di reclusione (la procura aveva chiesto 11 anni).

Per l’imprenditore Salvatore Piccolo la condanna è per associazione mafiosa, tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso e anche per l’intestazione fittizia del “Lido di Venere” della società Stea, la pena decisa è di 10 anni di reclusione, a fronte di una richiesta di 14 anni.

Condanna anche per Francesca Cannuli, moglie di Tindaro Carmelo Scordino, accusata di aver portato gli “ordini” di Scordino, quando l’uomo era in carcere, agli altri associati. È stata ritenuta sussistente a suo carico l’accusa di associazione mafiosa, la pena decisa è di 8 anni e 4 mesi di reclusione, più pesante dei sei anni chiesti dalla procura.

Un’assoluzione parziale, con formula dubitativa, hanno poi registrato Piccolo e Salamone, per una singola imputazione, che riguardava un caso di violenza privata nei confronti dell’imprenditore Giuseppe Torre.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione