Cambiamo Messina dal basso: “E’ normale che un primo cittadino sparisca per un mese mentre la città è ferma?”

5 Giugno 2020 Politica

La lunga assenza del sindaco di Messina Cateno De Luca, interrotta solo da post bucolici pubblicati di tanto in tanto sulla sua pagina facebook, ha fatto interrogare tutte le forze politiche sul “destino" della città. Non ultimi, i rappresentanti di Cambiamo Messina dal Basso.

“La riapparizione del sindaco in occasione delle celebrazioni della Madonna della Lettera, accettata come se fosse normale che un primo cittadino sparisca per quasi un mese mentre la città è ancora sostanzialmente ferma, politicamente ed economicamente, alla “fase uno”, pone la necessità di una riflessione per capire dove sta andando la nostra città, e questo è il compito della politica, la grande assente in questa difficile fase della vita della nostra comunità”, esordisce il comunicato.

“Emergenza in città: sindaco urlante, sindaco onnipresente, sindaco sceriffo, sindaco sedicente salvatore; sindaco che si fa paladino della salvaguardia dei suoi concittadini scavalcando ruoli e competenze, sindaco che impone la sua voce unica con dirette senza contraddittorio, sindaco che minaccia chi gli si oppone, sindaco che alle angosce già vissute da ciascuno aggiunge il suo terrorismo psicologico e la sua violenza sbraitata – continua – Fase due: il sindaco congeda il suo popolo dalle dirette (“Ora non avete più bisogno di noi”) e, quatto quatto, sparisce. Lo vediamo dopo giorni immortalato in un setting bucolico, a sciorinare nei post le sue omelie sul recupero della natura e della lentezza. Grazie, sindaco: peccato che le parti politiche a cui ti accompagni (pur facendo finta di essere contro la casta) sono quelle che storicamente hanno costruito il Sistema economico che la natura l’ha distrutta e la lentezza l’ha schiacciata con l’efficientismo consumista. Vabbè: chiederle coerenza sarebbe da illusi”.

“Sorvoliamo pure sulle sue questioni personali e familiari – concedono da Cambiamo Messina dal basso – Parliamo di politica, invece. Dall’iperpresenzialismo abusante è passato all’assenza. Non ci manca, sia chiaro. Ci colpisce, però, quest’uso personalistico della politica: viene il sospetto che finché c’è da fare teatrino lui ci sia, in forma smagliante e riempendo ogni spazio; quando poi si tratta di tornare alla normalità, e dunque AMMINISTRARE… ops, la campagna lo chiama. E quindi in due mesi niente delibere, assenze ai consigli comunali, mancata rappresentanza della città metropolitana di Messina nelle sedi istituzionali. Guardiamo alle evidenze concrete, quelle che riguardano la vita materiale di noi abitanti della città: caos nei mezzi pubblici, città letteralmente invasa dall’immondizia, scerbature a rilento, minaccia di provvisoria privatizzazione delle spiagge, misure quasi nulle per la ripresa dell’economia locale”.

“Cambiamo Messina dal Basso ha sempre avuto a cuore la partecipazione – prosegue la nota – e non si trattava solo delle forme codificate di presa delle decisioni: per quelle basterebbero anche dei click, ma forse la partecipazione è qualcosa di più profondo dello scontro a muso duro di tifoserie votanti. La precedente amministrazione ha pagato l’aver sdoganato nell’immaginario collettivo il concetto di partecipazione e di trasparenza: non si sono fatti sconti, e va bene così. Ma adesso? Cosa ne è, adesso, di quell’infuocato dibattito pubblico dove ogni azione o inazione dell’Istituzione veniva messa al vaglio di un popolo incazzato? Cosa ne è di quella parte di stampa che metteva alla gogna mediatica ogni frammento di azione politica dell’amministrazione? Cosa ne è del Consiglio Comunale che prima era il tribunale in cui si dibatteva di Kinder Bueno e giornate a Marzabotto? Dobbiamo essere vigili di fronte al rischio che le misure legate alla pandemia restringano ulteriormente i già precari spazi della partecipazione delle persone alla politica e al dibattito collettivo. Ma dobbiamo essere vigili anche di fronte all’illanguidirsi della critica. E se, storditi dalle urla di Cateno o travolti dalla mitraglia dei suoi blablabla, ci stiamo per caso abituando, svegliamoci: questa assuefazione ci potrebbe fare svegliare un giorno ancor meno liberi, ancor meno vivi”, concludono.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione