Il convento di Santa Maria di Gesù Superiore tra i luoghi del cuore Fai 2020

5 Giugno 2020 Culture

Il sito in cui secondo  il testamento di Antonello da Messina redatto il 14 febbraio del 1479 dal notaio Mangianti si conserverebbero le spoglie mortali dell’artista Antonello da Messina inserito tra i luoghi del cuore Fai 2020. Stiamo parlando del convento di Santa Maria di Gesù Superiore, che rientra  nel progetto di salvaguardia e rilancio della chiesa Santa Maria di Gesù Superiore. Si può sostenere l'iniziativa attraverso un voto, online o cartaceo.

L’evento  “Luogo del cuore FAI 2020: il convento di Santa Maria di Gesù Superiore – Luogo di sepoltura di Antonello da Messina” è stato presentato stamane a Palazzo Zanca dal presidente della “Fondazione di Partecipazione Antonello da Messina”e coordinatore dei volontari Giuseppe Previti, alla presenza degli assessori alla Cultura Enzo Caruso e all’Ambiente Dafne Musolino.

L’iniziativa  patrocinata dal Comune è organizzata dalla “Fondazione di Partecipazione Antonello da Messina” e dalla Cooperativa Sociale Trapper. All’incontro hanno partecipato Michele Salvo presidente della Cooperativa Sociale Trapper; il parroco della Chiesa Santa Maria di Gesù di Ritiro Roberto Romeo; il presidente dell’Associazione “Il Centauro” Matteo Allone; l’architetto  Nino Principato; Amedeo Aquilia  per la delegazione Fai di Messina e Silvana Paratore componente del comitato e promotrice della raccolta firme.

“Un sito importante che ancora non è entrato nel cuore dei messinesi – ha sottolineato l’assessore Caruso – abbiamo bisogno di accendere i riflettori perché potrebbe essere inserito in un percorso molto più ampio che, attraverso una serie di puzzle messi insieme, possono consentire alla Città di diventare un attrattore al fine di conoscere un personaggio importante della storia dell’arte, quale è Antonello da Messina. L’impegno delle varie associazioni per la valorizzazione del bene è encomiabile e necessitano di maggiori fondi per giungere in tempi rapidi ad obiettivi che si sono allungati nel tempo perché le risorse economiche sono poche. L’importanza che Antonello sia sepolto o no è irrilevante, se riusciamo a dimostrare che sia effettivamente sepolto in questo sito è un valore aggiunto, ma il fatto stesso che Antonello richiami nel testamento la sua sepoltura in questo sito è sufficiente al fine di attirare flussi turistici e percorsi culturali”.

“Antonello da Messina è un personaggio importante – ha proseguito l’assessore Musolino – che purtroppo ancora non ha l’attenzione e la divulgazione che meriterebbe soprattutto in ambito locale. In sinergia con l’Assessore Caruso stiamo cercando di sviluppare percorsi turistici per implementare le attività produttive con quelle turistiche. A tal fine stiamo sviluppando l’iniziativa ‘Visit-Me’ una card turistica nella quale si saranno sviluppati itinerari culturali consentendo anche alle attività produttive di partecipare attraverso l’adesione alla card, al fine di creare un circuito virtuoso che in tutte le città turistiche del mondo già esiste con l’obiettivo di organizzare le iniziative con un’unica regia e veicolarle tutte insieme per dare il massimo risultato, e certamente un percorso turistico di eccellenza è quello che riguarda Antonello da Messina”.

Per votare il sito che al momento si piazza al numero 253 con 240  voti  basta collegarsi al sito www.fondoambiente.it.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione