Milazzo, Centri Commerciali chiusi la domenica e nei giorni festivi

Il sindaco Giovanni Formica ha firmato oggi una nuova ordinanza con la quale, recependo quella adottata dal presidente della Regione lo scorso 2 giugno, dispone l’apertura al pubblico nei giorni domenicali e festivi delle farmacie, delle edicole, dei bar, dei ristoranti, dei fiorai, dei panifici, delle attività di ristorazione senza somministrazione e di tutti gli esercizi commerciali ad esclusione dei Centri Commerciali, dei supermercati e degli outlet. Nel provvedimento si puntualizza che “eventuali intese raggiunte tra governo regionale e rappresentanti delle organizzazioni sindacali e datoriali, successive alla pubblicazione di questa ordinanza, dovranno intendersi immediatamente applicabili nel territorio del Comune di Milazzo senza necessità di provvedimenti di recepimento”.

In buona sostanza rispetto all’ordinanza adottata lo scorso 1 giugno, viene modificata la parte che permetteva l’apertura dei Centri Commerciali in virtù di una circolare emessa dalla Regione. Poi lo stesso presidente Musumeci con un suo provvedimento ha deciso di fare un passo indietro e – almeno sino ad oggi – mantenere i Centri commerciali chiusi la domenica e nei festivi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione