E’ morto il prof Salvatore Mangione, anima della cultura nebroidea e sanfratellana

19 Giugno 2020 Politica

Si è spento a Messina nel pomeriggio di ieri 18 giugno Salvatore Mangione, ex consigliere provinciale del Psi, in carica a Palazzo dei Leoni dal 1990 al 1994 e poi sindaco di San Fratello dal 1994 al 1998. Sessantanove anni, a lungo docente di storia e filosofia nei licei, Mangione è stato autore di numerosi saggi, oltre che collaboratore del quotidiano “Gazzetta del Sud”. Impegnato in numerose attività culturali e promotore di iniziative finalizzate al progresso sociale e umano, fin da ragazzo aveva iniziato a militare nel Partito Socialista Italiano.

A ricordarlo è Antonio Matasso, dirigente nazionale socialista e presidente della Fondazione socialista antimafia “Carmelo Battaglia”: «Salvatore Mangione è stato un compagno di tante battaglie e un caro amico di famiglia. Ci accomunava una sensibilità ad un tempo socialista e cristiana ed era sinceramente stimato da tutti i compagni dei Nebrodi. Oggi i socialisti nebroidei abbrunano le bandiere rosse in omaggio ad un compagno che ha servito il nostro territorio, rappresentandolo nel Consiglio provinciale di Messina, oltre che ricoprendo la carica di sindaco di San Fratello, centro di origine della famiglia Craxi. Al suo paese Salvatore ha dedicato grandi energie per la valorizzazione della sua storia e delle tradizioni culturali e linguistiche proprie della minoranza gallo-italica. Gli siamo grati per la sua opera in tali ambiti, così come nell’agire politico, in cui abbiamo collaborato per oltre vent’anni». Salvatore Mangione lascia la moglie e due figli.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione